Film e libri

“TreLire primo giorno”, che ha vinto la Palma d’oro come miglior film e il premio come miglior film straniero all’International Beverly Hills Film Festival, continua a essere un “piccolo grande caso” nel panorama del cinema italiano che spesso penalizza i giovani autori condannandoli alla non visibilità.Il road movie tutto milanese continua la sua tenitura all’Arcobaleno sino al 2 agosto.Nell’estate un po’ di date in giro. ln Italia e qualche puntatina all’estero. Domenica 19 è prevista una grande festa, dalle 19.00 in poi al Bar Bianco per TRE LIRE TRENTESIMO GIORNO, con il cast artistico e tecnico del film che festeggiano il primo mese di programmazione.IL FILM “TRE LIRE PRIMO GIORNO”
 
In una citta` del nord Italia un novantenne viene ricoverato privo di conoscenza. Lunghi capelli bianchi come neve, nessun vestito nessun documento. In ospedale lavorano quattro infermieri trentenni che non hanno ancora deciso chi essere.

Una notte il vecchio si risveglia. Trova i quattro infermieri in un una stanza impegnati in una partita a poker. Sembra uno spettro uscito dalla notte, dice di chiamarsi Carlo, parla in dialetto.
Non c’e` piu` tempo, domani potrebbe ricadere in coma, si deve partire: in una piazza sul mare, sotto una piastrella, e` seppellito un cofanetto. Dentro c’e` una lettera. Sulla lettera timbrata c’e` il francobollo piu` prezioso che si conosca: il Tre Lire Toscano del primo gennaio 1860.

In questa notte estiva di promesse e incertezze una vecchia ambulanza abbandonata e` in fuga.

Inizia un viaggio che presto deraglia tra inseguimenti e imprevisti. Attraverso un’Italia fuori rotta fatta di grandi spazi deserti e piccoli incontri, volti raccontano storie taciute aspettando qualcuno che le ascolti.
Un viaggio di scoperte e di risposte in compagnia di un uomo che dietro la sua fragilita` nasconde una disperata e insaziabile voglia di vita.
 
 
6 aprile 2009 Tre lire vince la Palma d’oro come miglior film e il premio come miglior film straniero all’International Beverly Hills Film Festival
 
“TreLire primo giorno” continua a essere un “piccolo grande caso” nel panorama del cinema italiano che spesso penalizza i giovani autori condannandoli alla non visibilità.
Il road movie tutto milanese continua la sua tenitura all’Arcobaleno sino al 2 agosto.

Nell’estate un po’ di date in giro  ln Italia e qualche puntatina all’estero.

Domenica 19 festa dalle 19.00 in poi al Bar Bianco
per TRE LIRE TRENTESIMO GIORNO: il cast artistico e tecnico del film festeggiano il primo mese
di programmazione.
 
Qui di seguito calendario delle prossime proiezioni di Tre Lire, escluso Milano.

21 luglio rassegna cinema italiano a Villa Grock, Imperia
21-23 luglio Indianapolis International Film Festival, Indianapolis (Michigan – USA)
23 luglio Laboratorio internazionale della comunicazione, Gemona (Udine)
30 luglio Gallio Festival, Gallio (Vicenza)
20 agosto Mantova Filf Fest 2009
1-6 settembre Kos International Health Film Festival, Kos (Grecia)
a fine settembre Estes Park Film Festival, Estes Park, Colorado

 

 

Ondanomala di via Lampugnano 109 non andrà in vacanza e il locale con tutte le sue serate, i djs, gli eventi e gli ospiti vi aspetteranno dal Martedi alla Domenica per tutto il mese di agosto, compreso il 15. Gustose e salutari, le prugne sono un vero concentrato di bontà e benessere. Molto apprezzate come snack o dolce intermezzo, queste golosità possono trasformarsi in un prezioso e versatile ingrediente da utilizzare in cucina.Eccole dunque diventare protagoniste di invitanti ricette dolci e salate, dalle classiche frittelle all’originale hot dog di tacchino, abbinate di volta in volta a carne, pesce, formaggi o pasta. Nel volume “Prugne della California”-Edizioni Gribaudo, presentato alcuni giorni fa al Nhow di via Tortona, la prugna della California, un prodotto molto conosciuto e amato ma finora poco utilizzato in cucina, si è trasformato in prezioso ingrediente per 36 deliziose ricette elaborate dallo chef Davide Castoldi, suddivise in antipasti, primi, secondi e dessert.Il testo introduttivo aiuta a conoscere meglio questi gustosi frutti, guidando alla scoperta dei metodi di produzione, della storia e delle molteplici proprietà benefiche.Ogni ricetta è accompagnata da un breve approfondimento che riporta di volta in volta curiosità o consigli sugli ingredienti utilizzati, sui metodi di preparazione, sui vini da abbinare.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *