Da Lunedi in poi a tutta festa

Lunedi’ 7 Evo, in via Friuli 77 angolo via Perugino, oasi di gusto (nella foto uno dei piatti), vi aspetta per una serata con le note live di un celebre trio, Giancarlo De Giorgio, Paolo Favini e Matteo Fasolino, in un arrangiamento jazzistico di famosi brani, con menu a 35 euro tutto preparato con uso esclusivo dei migliori olii extravergini d’oliva italiani. Tutti i Martedi’, invece, Baobar via Eustachi 24 presenta Made in Italy Sapori
d’Italia, un aperitivo all’italiana con degustazione di vini e stuzzichini nostrani ed esposizione di opere d’arte di giovani artisti italiani e internazionali.Mercoledi’  9, invece, Glamour di via Castelfidardo 7 propone la serata latina, con due ballerine e insegnanti e, a seguire, il dj set di Juan Atilio Davila, Giovedi’, dalle ore 22,00, poi, verrà organizzata una cena mediterranea, con musica live con un ospite diverso ogni settimana dalle 22,30 e dalle 24 dj set anni 70/80 da ballare e da cantare, come il 10 febbraio, con i TNT, ispirati ad Alan Ford e al famoso fumetto, per un sound dedicato ai nostalgici e una musica intesa come gioia, vita, amore e arte.

Kiyo, in via Carlo Ravizza 4, infine, arredo minimal, colori chiari e materiali naturali, propone cucina giapponese contemporanea con utilizzo di ingredienti mediterranei, è caratterizzato dal fatto che qui pesce fresco viene abbattuto secondo il regolamento europeo. Tra elegante bancone del sushi bar, dove gli chef, ex Nobu, preparano live le prelibatezze-come quelle nella foto sopra- da ammirare direttamente davanti al vetro, materie prime di alta qualità, illuminazione curata, piu’ soft la sera, business lunch Bento Box, a 18 Euro, è l’ideale per cene romantiche e frequentazioni vip. Chatulle di via Pier della Francesca sta per proporre una serie di eventi dedicati all’arte, al food, alle tendenze, che inizieranno dalla fine di febbraio e delizieranno il pubblico di uno dei templi della migliore carne milanese e di succulenti primi. Sempre in Via Pier della Francesca, infine, al Gattopardo, il calendario della settimana prevede Domenica 6 Febbraio, un aperitivo danzante in compagnia dei “The Choice”, Martedì 8 Happy hour danzante con i “Funky Machine”, Mercoledì 9, invece, in compagnia degli “Oxxxa”, Giovedì 10, infine, sarà tempo di aperitive time con la musica dei “SetteSotto” e a seguire serata con dj-set

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *