Mostre dedicate alle donne e movida

Flower Power&The Other Side è il titolo della mostra di Susy Manzo, sino al 5 Aprile al Baobar di via Maiocchi angolo Eustachi, con inaugurazione ufficiale il 29 e vernissage dalle 18,30, un progetto Webspot dedicato all’arte, realizzato in collaborazione con il social network mychance.it di Angela Mancini, specializzato in segnalazione di artisti a 360 gradi. Susy Manzo ha frequentato i corsi de maestro Fabio Cuman, presso l’atelier di Sesto Ulteriano e lavora come pittrice nel suo studio di Cusano Milanino. Daydreaming, Oath, Mind, Quiet,My Dinner, Synergy, sono olii su tela, “……dal colore vivo, come un essere umano, un fiore, una sensazione. Avvicinandosi alle sue opere, sembra di sentire il gusto del verde, l’odore del rosso, il profumo del viola e cosi’ via….”-ha detto Igor De Marchi. Susy dipinge se stessa; “io, donna, dipingo per la donna e come una donna…io parlo e la tela sa ascoltarmi….Scariche di adrenalina mi guidano in un mondo sordo, ovattato la’ dove sola, parlo al mondo intero…E l’ossessione del tempo perde la sua forza. Una ricerca continua la mia, sul femminile e sul vissuto di ogni donna, una sorta di confessione che diviene poi dichiarazione…Un incontro /scontro intimo con la mia anima…E poi…ricomincio…..dice lei. E’ un affascinante viaggio introspettivo che si interroga sulla complessità dell’essere donna, tra ironia, vanità, eleganza e sensualità, femminilità anticonformista, libera di esprimersi , che  svela la vera essenza di una donna. Al Baobar, un’idea del gruppo Sparkling Events, dove l’appuntamento è anche per il lunch con sfiziosi piattini, piadine o panini, o il brunch domenicale, nella carta dei cocktail, ci sono anche drink speciali, come la Caipirinha con Rapadura, il Brazilian Julep, Berries Caipirosca, African Style, con liquore di cioccolato africano, fragole e menta, Jack Capim Santo, co lo zenzero, Pink Panthers, American Sex On the beach. Tra le novità, poi, c’è l’iniziativa dal titolo “Di che club sei?”, tra vodka, whisky, rhum, gin, cioè acquistando una bottiglia hai diritto a scegliere cocktail o bibite senza costo aggiuntivo. La vostra bottiglia verra’ posizonata in una bottigliera esclusiva per soci a vostra disposizione per l’intero mese per consumarne il contenuto e avrai sempre la precedenza sia all’ingresso sia ai tavoli, con la possibilità di partecipare a una cena riservata ai soci una volta al mese. Quindi, di che club siete? Il Gattopardo Cafe’ di via pier della Francesca ha un ricco e curato buffet dell´aperitivo e ottimi cocktail. Martedi’, Dalle 18 alle 22, potrete ritrovarvi qui, per un aperitivo rilassante, con musica lounge selezionata dai Dj. Dalle 22 si apre la serata a ritmo di musica selezionata dai Dj Resident. Pubblico di età compresa tra i 25 e 40 anni ed abbigliamento curato.E´ consigliabile la prenotazione – 0234537699 . Giovedi’ 31 Happy hour dalle 18.00 alle 22.00 con i Settesotto, che si distinguono per la formazione vivacissima, colorata e numerosa, con tanto di fiati, percussioni, due cantanti e 1000 invenzioni per farvi naufragare sull´isola della musica.
La caratteristica più evidente è l’energia che si sprigiona attraverso la musica e i movimenti. Dalle 22 si apre la serata a ritmo di musica con la biondissima Dj londinese Linette. Si balla fino alle 4 del mattino. Pubblico di età compresa tra i 25 e 40 anni ed abbigliamento curato. Scenario suggestivo ed elegante, spazio creativo e luogo di tendenze, ex chiesa inizi secolo e sconsacrata negli anni 70, intatta nei suoi elementi estetico architettonici grazie all’opera di restauro conservativo, tra colonne in marmo, capitelli, palco-presbiterio, arredi e ornamenti che ricordano i fasti dei nobili palazzi dell’epoca Borbonica e Barocca, Il Gattopardo è il palcoscenico ideale del vostro entertainment.Per la cena, , invece, prima di immergersi nelle lussuose atmosfere del Gattopardo, optate per Chatulle, sempre in via Pier della Francesca 68-tel.02/34534024-www.chatulle.it-dove mangerete la carne migliore di tutta la città, una delle indiscusse protagoniste del ristorante, nelle sue varie derivazioni, con proposte che spaziano dai carpacci, ai filetti di manzo e pollo, preparati con creatività e in tutte le varianti, dalle tagliate, ai piatti di un menu della tradizione italiana, che non dimentica anche qualche prelibatezza made in Milan, come i risotti e la costoletta alla milanese con pomodorini e rucola, accompagnati da vini di una fornitissima cantina

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Una risposta a “Mostre dedicate alle donne e movida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *