Tamarreide? Siamo noi…

In fondo Tamarreide è il ritratto – purtroppo – di gran parte della società che ci circonda e pochi, forse, vogliono vedere in tv la verità e i loro difetti, o magari quelli dei loro figli, abituati ad alberghi a sette stelle, ma con un’educazione a punteggio non pervenuto, che parlano di vacanze a Saint Moritz e gettano i rifiuti per terra. Più che tamarri, i ragazzi mi sembrano bulli e le ragazze immagini da fumetto portate all’eccesso della volgarità, che sbandierano la voglia di ottenere i titoli di studio mostrando il decollete’.

Che tristezza, ma soprattutto che ridere, pensando alle benpensanti che sfoggiano gli amanti in società magari con il consenso dei mariti… come dire cornuti e contenti! O arrivano davanti alla scuola dei propri figli con perizoma in bella vista e pantaloni trasparenti. D’altronde le “signore” forse hanno ragione perché è proprio la scuola il luogo e il take away ideale per incontrare uomini vittime di donne stile strega di Biancaneve, botulinate come La morte ti fa bella, o il Lupo delle fiabe ‘che bocca grande hai’ ideali da portare a casa come bocconcini da consumare e utilizzare a proprio piacimento. Del resto anche Oscar Wilde scriveva: è l’uomo che sceglie la donna che lo sceglierà….

A Tamarreide i luoghi comuni e le leggende popolari si sprecano, da l’uomo vero che deve puzzare, alla sostanza del maschio, concentrata nelle misure delle parti basse, dalla ciccia delle ragazze, alla tonicità degli addominali.

Ma vogliamo parlare della formula “i muscoli, spesso, sono inversamente proporzionali al cervello?”, come si può notare dal grado di velocità intellettiva di molti buttafuori o body guard strappati ai rami delle foreste, ma utilissimi per un trasloco a prova di sciatica?

Ma anche le tamarre hanno un’anima e non amano l’eccessiva confidenza e solo quando chiedono scusa abbassano il tono della voce, a differenza di tante signore bon ton, che starnazzano nei salotti bene e protestano nei locali chic del nostro Stivale perché devono pagare un drink da 7 Euro, o sgomitano per avere una foto sui giornali e chiamano i giornalisti perché aggiungano al nome e cognome un titolo nobiliare.

Un famoso autore tv, in occasione di un party, una sera, senza neppure dire ciao-come-stai, chiese a una pr milanese il free drink, come aveva fatto tutte le volte che l’aveva vista; ma nella vita non vale più il do ut des, dico io, dove nello scambio, magari, c’è solo una dose di grande gentilezza e savoir faire?

Ai tamarri e alle tamarre – paragonate a tante signore, ex tamarre ripulite, truccate ad hoc e cotonate a dovere, si possono perdonare tante cose, ma la violenza, verbale, o fisica no, anche questa specchio di una società che spesso si involve dalla famiglia, alla scuola, ai modelli di vita. Meno male ogni tanto la super erre della signorina Cicogna smorza il tono; trash chic o trés chic?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

3 risposte a “Tamarreide? Siamo noi…

  1. IO MI DOMANDO E DICO COME SI POSSA MANDARE IN ONDA UN PROGRAMMA COSì SQUALLIDO TRISTE E VERGOGNOSO ALLE 21.30.
    VEDERE QUELLE SCENE, RAGAZZI CHE PARLANO SOLO DI SESSO, TETTE E CULI ALL’ARIA DUE COPPIE CHE FANNO SESSO NELLA STESSA STANZA è A DIR POCO VERGOGNOSO.
    E POI SENTIRE LA SIGNORINA MARIKA CHE DICE:”MA CHE MALE C’è SONO COSE CHE FANNO TUTTI I GIOVANI MICA C’è NIENTE DI GRAVE!!!è NO CARA…IO MI VERGOGNO DI ESSERE DONNA NEL VEDERE VOI CHE VI ATTEGGIATE ANCHE…QUINDI MI DISPIACE MA PIù CHE TAMARRI SIETE DONNE SENZA UNA MORALE SENZA PUDORE….CHE MERITANO FORSE DI ESSERE TRATTATE COME GIOCATTOLI, PERCHè è QUESTO QUELLO CHE FATE VEDERE.
    MI AUGURO CHE MOLTO PRESTO QUESTO PROGRAMMA VENGA ABOLITO, PERCHè è SINTOMO CHE QUESTA ITALIA FA SCHIFO…
    PER NON PARLARE DEI GENITORI DI QUESTI RAGAZZI..SIETE CONTENTI DI VEDERE I VOSTRI FIGLI FARE TUTTO QUELLO SCHIFO DAVANTI AGLI OCCHI DI MILIONI DI ITALIANI????MILIONI POI TRA VIRGOLETTE PERCHè NON SO QUANTI SI ABBASSANO A GUARDARE TAMARREIDE!!
    QUINDI VERGOGNATEVI TUTTI….PER FORTUNA CI SONO GIOVANI COME ME, CHE DI CERTO NON SONO UGUALI A QUELLE RAGAZZE DAI FACILI COSTUMI.E NON SI OFFENDESSERO SE VENGONO DEFINITE COSì, O ANCHE PEGGIO, PERCHè QUESTO è QUELLO CHE DIMOSTRANO-

  2. Parlo a nome di Tutta la Sicilia…Riguardo l’affermazione di Claudio,della seconda puntata verso Antonio: …”ANTONIO A VOLTE SEMBRA UN Pò IGNORANTE…CERTO..NASCENDO IN UN ISOLA COME LA SICILIA…” … .. .Vorrei capire cosa intendesse dire,vorrei proprio una spiegazione da parte sua,visto che nel mio paese,ci sono state moltissime polemiche per questa frase detta…LA NOSTRA DOMANDA è: CLAUDIO?COSA VUOL DIRE ”CERTO..NASCENDO IN UN ISOLA COME LA SICILIA”? .. ..lui è nato a roma,e intanto è il primo ignorante del gruppo,che non distingue nemmeno ”coinciso” da ”circonciso”..ma va beh..ognuno ha le sue..nascendo a Roma…..Oppure Cristiana,certo lei è di Milano,quindi è normale che sembri una ragazza facile..o Manuel,certo lui è di perugia,quindi se sembra un cretino,non gli si può dire niente..o certamente Marika,che è di Roma,non si ci può proprio dire niente,figuriamoci,LEI è DI ROMA!!! non sò se ridere o piangere guardando questo programma… spero veramente che venga abolito.. è un programma inutile,non serve proprio a niente..i tamarri si mettono già abbastanza in mostra per strada,nella vita di tutti i giorni..non abbiamo bisogno di vederli anche in tv..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *