Tamarro sì, ma al guinzaglio…

Ballare è la poesia dei piedi, diceva John Dryden. Altro che chihuahua al guinzaglio, toy dog, o maialini, invece, l’ultimo trend è il tamarro al guinzaglio! Nella quinta puntata (potete rivederla cliccando qui) ne abbiamo avuto un esempio, con Claudio, schiavo e non per amore, ma per gioco di una Dark Mistress

Un’altra storia, tra il serio e il faceto, è capitata, qualche anno fa, alla vostra blogger, sì proprio alla sottoscritta, appassionata di scarpe e sandali. Non potevo immaginare che, indossandone un paio – i miei preferiti – avrei attirato l’attenzione di un feticista dark presente a un evento.

All’epoca collaboravo con una radio Lombarda e l’appassionato dei miei piedini – tra l’altro porto il 40, altro che piedini! – mi ascoltava ogni settimana, arrivando a inviarmi mail nelle quali si dichiarava pronto a venire a servirmi come umile schiavo. Pensavo fosse uno scherzo da parte delle mie colleghe in radio e risposi in modo altrettanto scherzoso, scrivendo che avrei dovuto fare una pulizia totale della casa e cambiare anche le tapparelle!!!!

Non lo avessi mai fatto! L’aspirante schiavo rispose che avrebbe fatto tutto quello che avrei desiderato, purche’ io lo prendessi a calci nel sedere, lo umiliassi e potesse stare ai miei piedi come umile servitore. Della serie….”Ambrogio, vuoi qualcosa di appuntito sul lato b?” E vai con un tacco 12 sul popo’!!!!! Ma dove arriveremo dico io, in un mondo nel quale la piu’ grande trasgressione è la normalità, dico io?

Sono riuscita a liberarmi del feticista, per fortuna e non con le maniere forti – troppo trash chic e, tra l’altro, forse, gli sarebbero piaciute – ma le mie amiche mi dicono sempre: “Però, quando ha tentato di avere il tuo indirizzo per mandarti a casa quelle Manolo Blahnik e quelle Caovilla, avresti potuto accettare o dargli il nostro indirizzo!”

Gli uomini schiavi dei piedi e le donne delle scarpe? Ai calzolai e agli stilisti l’ardua sentenza!!!!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *