Pink and the city

Una serata rosa pensata per le donne ma aperta a uomini curiosi. Si terrà Al Less (Viale Lombardia, 28 Tel. 02 7063 5097) questo venerdì alle ore 20.00. Siete tutte invitate per la cena in rosa in cui tre scrittrici racconteranno con ironia la vita delle donne milanesi tra moda, shopping, maschi alfa, e sogni. Chiara Moscardelli, vi porterà nelle avventure di una gatta morta mancata. Silvia Bergero racconterà con ironia il mondo delle sempreverdi galline cinquantenni, e Bea Buozzi, facebook-dipendente (nel senso letterale del termine visto che su facebook ha trovato l’editore che le ha dato un lavoro) vi porterà nel mondo virtuale dei traditori (ahimè) reali, tre donne e tre libri. Ma è difficile mettere insieme tre teste al femminile? Sfatiamo il mito “donne che raramente creano una forza unica e raramente si alleano?”

“Ho conosciuto Silvia e Chiara e l’empatia immediata mi ha indotto a organizzare una serata con loro”-dice Bea Buozzi-“mi colpiscono le donne ironiche e brillanti ed entrambe rappresentano una perfetta sintesi. Quindi, mi sono detta, perchè no? “Tutte per una e una per tutte.” E poi, se tu is meil che uan, figurati tre!”

Come è nata l’idea del tuo libro?

“Quando finisce un grande amore, le ipotesi sono due: o si scappa con il personal trainer oppure si va in analisi. Le alternative sono quindi estenuanti sedute di step (seguite da saune vietate ai minori di diciotto anni) oppure lettini accompagnati da soliloqui (meno appaganti dei bagni turchi di cui sopra). Ma in entrambi i casi si è passivi, manipolati nel fisico o nella mente. Eppure una terza strada c’è e consiste nel crearsi un avatar, accalappiare uomini dal profilo analogo a quello di chi ci ha tradito, vendicarsi con il genere e redigere un diario. Il mio si è trasformato in Beati e Bannati (Perrone Editore) romanzo apparentemente rosa ma non fatevi confondere dalla copertina. Oltre alle piume c’è di più!”

Un’amica appare al tuo posto in pubblico-anche se io ti conosco live e devo dire che sei molto carina!-perche’ questa scelta?

“Mi piace essere contemporaneamente una, nessuna e centomila e, in quanto tale, non posso avere un’identità definita. Il bello è che posso rappresentare tutto e il suo contrario a discrezione dell’interlocutore. Ogni persona uomo o donna che sia può disegnarmi come meglio crede. Inoltre penso sia meglio conoscere uno scrittore attraverso le sue parole. A esempio, io dal vivo sono più suscettibile del tempo”.

Amori e passioni ai tempi di facebook, siamo messi cosi’ male?

“Si chiamano social network. Nascono con la nobile finalità di mettere in contatto persone perse nello scarico del tempo (facebook) o per creare rapporti di lavoro (Twitter) attraverso affinità e interessi condivisi. Troppo spesso vengono usati per creare un ricettacolo di incontri clandestini e storie parallele. Poi, c’è anche chi trova la persona della vita ma sono le classiche mosche bianche in un contesto di pecore nere. Per questo ho pensato di scrivere Beati e Bannati, un’educazione sentimentale dei nostri tempi”.

Consigli per donne beate e bannate, ma anche per piumate di FB e galline over 40, dimmene almeno cinque

“Bluffare con lo specchio: ironizzando e imparando a convivere come nel migliore dei pax con i propri difetti. Amami così senza pudore: Non importa dove, nè come o con chi. L’importante è farlo. Luogo consigliato: diecimila metri sopra il cielo.Amiche, finchè morte non ci separi. Devono esserci sempre. Un punto fermo nella vita di ogni donna. Spendete ogni giorno (come fosse l’ultimo): toglietevi tutti gli sfizi che potete. E non pagate mai i contanti per posticipare i sensi di colpa al quindici del mese dopo quando riceverete l’estratto conto della vostra carta di credito”

Gli uomini veri esistono ancora o formano una specie in via di estinzione?

“L’ottimismo sarà anche il sale della vita, però io a oggi ne ho incontrato solo uno. Peccato che mia mamma sia arrivata prima di me!”

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida tag: , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *