Kitten, quando i gattini diventano glamour

Kikka, alias Ericka Olaya Andrade, ovvero il design che diventa moda e tendenza.

Kikka è infatti la creatrice, dal 2007, di una linea di design e decorazione di gattini realizzati con i più svariati tessuti e filati, dalle stoffe pregiate con applicazioni glamour e luminose al recupero di materie prime e la ricerca di materiali ecosostenibili, grazie anche alle partnership con noti marchi del lusso, della moda, make up e piattaforme e showroom di sviluppo per prodotti ecofriendly.

“I Kitten sono nati per gioco”-dice Kikka-“il primo micio e’ stato fatto pensando a una persona cara che si trovava in viaggio lontana da casa, ovviamente un cat lover.

Quale è la tua ispirazione?

La spinta iniziale è stata il bel riscontro degli amici e conoscenti che li trovavano geniali, a me stupiva che un oggetto cosi essenziale potesse attirare tante attenzione, alla fine per me quella che viene chiamata ispirazione è un dono che arriva di volta in volta grazie all’affetto di chi ti sta vicino, la famiglia, gli amici, da chi ti scrive una mail perchè ha visto i miei lavori sul giornale , oppure anche  quando mi capita di allestire le istallazioni in luoghi pubblici. Mi rendo conto che i kitten riescono a strappare un sorriso fra i passanti , e’ molto stimolante apprezzo tantissimo.

Kitten non sono giochi….mi racconti la filosofia che è alla base del tuo progetto?

I Kitten sono nati liberi perchè non pensavo mai di farli diventare un marchio o un lavoro, le mie creazioni non hanno un ruolo per forza definito, Io li ho concepiti come oggetti decorativi, compagni di viaggio. Alcune volte hanno una veste molto basic come un semplicissimo cotone, per poi passare dal denim al cashmere o anche a quelli interamente coperti di cristalli. I kitten non solo non hanno una età di riferimento, ma non sono pensati per grandi o piccoli, sono per tutti … tutti gli amanti del bello. I mici possono diventare  qualsiasi cosa desideri, dipende molto dall’interazione con chi decide di ‘adottare’ e portare a casa una delle mie creaturine, questo è quello che li rende davvero unici.  E’ bellissimo quando le persone mi raccontano come li hanno posizionati in casa, o che spesso li portano con loro nei viaggi per esigenze di lavoro e vogliono qualcosa di caro vicino che li ricordi la loro casa, una volta qualcuno per un travestimento di Halloween mi ha detto che li ha messi in testa! E’ molto divertente sentire tutte queste storie!

 

Possiamo parlare di nuova tendenza?

Più che una tendenza penso sia diventata un’esigenza, le persone sempre di più hanno bisogno di avere intorno oggetti o capi con cui si identificano.

Parlami delle tue collaborazioni con Shu Uemura, Borsalino, altri noti brand e personaggi famosi come il ballerino Cortes

Ho avuto la fortuna di poter sviluppare micro collezioni con marchi moda e anche per colossi del make up come L’Oreal . Impiegando  le cartelle colori del feltro di Borsalino ho elaborato accessori  impreziositi con cristalli di Swarovski, poter recuperare materie prime di marchi moda di alta gamma per dare un valore aggiunto ai miei oggetti di design è una grande soddisfazione, altrimenti certi tipi di materiali sono off limits per un designer emergente come me. Con la luxury division di L’Oreal ho sviluppato 2 progetti, uno con il marchio giapponese SHU UEMURA, creando una limited edition personalizzando i kitten con le mitiche ciglia insieme al make up artist Paolo Sfarra, invece insieme al marchio New Yorkese KIehl’s abbiamo fatto il lancio di un nuovo item della famiglia kitten , the hunny bunny, un coniglietto che ha allargato la grande famiglia di mici, poi abbiamo fatto una mostra fotografica ispirata proprio ai colori di New York, citta’ d’origine del marchio e in quella occasione abbiamo avuto come padrino della serata Joaquin Cortes.

Credits-Ericka Olaya Andrade

 

Kikka&Kitten in vendita da Amaranto boutique presso il Carlton Hotel Baglioni

www.kikkankitten.blogspot.com

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *