MILANO PLANTS THE EXPO FIELD

La città che si appresta a ospitare l’EXPO, dedica un angolo prezioso della città a dibattiti, dimostrazioni e degustazioni
Parliamo dell’Orto di Leonardo, alla Fondazione Stelline di corso Magenta 61, con “Milano plants the Expo field”; in occasione della Design Week infatti, è stato realizzato un orto in verticale per il progetto di riqualificazione urbana Liveinslums, organizzazione non governativa impegnata da anni in contesti di poverta’ estrema nei paesi in via di sviluppo che, in collaborazione con il Master Paesaggi Straordinari Naba Milano Politecnico, avvierà proprio qui una produzione alimentare riproducendo una tecnica agricola sperimentata nei paesi africani.
Ogni giorno ci saranno dibattiti, conferenze legate ad ambiente e alimentazione, per regalare alla città un luogo nuovo, da vivere e rispettare, tra work shop e dibattiti per avvicinare i cittadini al tema dell’agricoltura, per produrre un esempio concreto di impegno della comunità in vista dell’EXPO.
Durante la manifestazione è prevista una raccolta fondi; saranno messe in vendita piantine monocoltura a 5 euro, il cui ricavato andraì all’associazione Liveinslums.
Mercolediì 18 aprile alle 12,30 cucina efficace presentazione corsi ore 18 chiacchierando di agricoltura con l’assessore luigi agnelli, l’assessore giulio de capitani, il presidente AIAB Lombardia Stefano Frisoli, Giovedi’ 19 alle 12,30 la cucina efficace, alle 19 farm kitchen, l’importanza delle eccellenze territoriali e le politiche verso l’EXPO, alle 2015 l’assessore silvia garnero e lo chef claudio colombo, modera la vostra Francesca Lovatelli Caetani. Venerdi’ 20 alle 17,30 Caffè scientifico Disturbi alimentari e dinamiche delle relazioni interpersonali, interviene il Prof Stefano Erzegovesi, alle 18 intervento di alex guzzi modera Cristina Vigge’, alle 19 la cucina è roba da uomini, incontro tra il giornalista Giuseppe Arena e lo Chef Fabio Baldassarre.

Sabato 21 aprile alle 12,30 la cucina efficace, alle 18,30 lo chef Natale Giunta racconta l’evoluzione culinaria della Sicilia e km o, domenica 22 aprile alle 17,30 caffè scientifico, con il professor Umberto Veronesi, alle 18,30 sicilian light kitchen in rome, lo chef filippo la mantia incontra lo stile salutare in cucina. Ogni giorno esposizione delle aziende presenti e mostra con agronomi architetti e paesaggisti.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida tag: ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *