Sesso e volentieri

Sesso e volentieri-Morellini Editore-in libreria da meta’ Giugno, verrà presentato stasera, alle 19, alla Galleria Zodo di via Lambro 7… per la serie… uomini e donne nello specchio dei social network, maschi e femmine pronti a sfidarsi a singolar tenzone, una carrellata di storie raccontate in modo graffiante, ironico, disincantato, attraverso personaggi e situazioni tipo della sessualità nell’era di Internet.
E’ un prontuario per conoscere le fiere dei social network attraverso i rendiconti fatti dagli internauti a Bea Buozzi, donna dall’identità segreta che da anni calamita l’attenzione di migliaia di utenti attraverso il web, raccogliendo confidenze e parlando di seduzione, sentimenti e incontri via chat.
Un catalogo femminile e maschile contraddistinto da ironia e sagacia che porterà a incontrare donne assimilate a passere scopaiole o a cinciallegre prive di scrupoli. Accanto a loro uomini canguri, che saltano di palo in frasca o salmoni destinati a vivere controcorrente.

Uno zoo di personaggi dove non mancano volti noti, nascosti tra una pagina e l’altra. Al lettore il gioco di scoprire chi si cela dietro l’animale finito nella rete dell’avatar dalla piuma rosa. Perché se li conosci li eviti, ma soprattutto se li incontri dopo averli letti, imparerai a sorriderci su.
Leggendoli sotto l’ombrellone, la mattina andando al lavoro o la sera prima di dormire. Uno alla volta, o tutti insieme. Per fare trenta. Come i ritratti. Perché se di ventotto ce n’è uno, nel bestiario son già trentuno!

A due anni dal suo debutto editoriale (Beati e Bannati, Perrone Editore) i punti fermi della Buozzi continuano a essere la passione per scarpe a cinque stelle e la dipendenza da social network. Continua a scrivere racconti eroticomici per Cosmopolitan, MilanoNera e Erotic Pink.

Bea, tu che animale sei?
Più che nei panni di un animale, all’interno di questa raccolta di personaggi ognuno dei quali è assimilato appunto a uno di loro, mi sono travestita da domatrice. Mascherina d’ordinanza, tacchi vertiginosi, e frustino. Solo per gioco, ovviamente. Così ho elaborato testimonianze e racconti che sono diventate la base del romanzo.
Poi, se vogliamo ascoltare l’andante che dice: dimmi che animale hai e ti dirò chi sei, ti dovrei rispondere un piccolo cane, scattante, nervoso, inguaribilmente fedele. Oppure una simpatica cavia, sperimentatrice senza essere oggetto di sperimentazioni.
Se però dovessi scegliere un animale probabilmente vorrei essere considerata una volpe, animale acuto e intelligente nel risolvere i problemi.

Come è cambiata la sessualità nell’era di Internet?
Ti risponderò con un’analogia: internet ha messo il mondo a portata di mano, così come i social network lo hanno fatto per le relazioni. La pratica del corteggiamento, che portava a scegliere una persona, in modo coerente si è confusa con una promiscuità facile e diretta. Se lo strillo sulla home page di facebook indica il social network come un espediente “per rimanere in contatto con le persone della tua vita”, la teoria dei sei gradi di separazione e quella dei quidici minuti di popolarità, si realizzano all’interno di questa rete. Sui social network puoi dialogare con scrittori, giornalisti, conduttori televisivi e attori. Se raggiungi lo step successivo, li puoi incontrare, e…rischiare di finire nella loro rete. Fate attenzione alle sirene dei social network!

Il sesso da collezionista fa ancora tendenza o pensi che un buon sesso ma con un uomo solo, il tuo, sia l’optimum?
Il sesso da collezionista non passerà mai di moda. Lo praticano uomini e donne insicure del proprio ruolo. Ovviamente in modo differente: l’uomo lo fa per ampliare un ego narcisistico (“più figurine ho, più sono potente”), la donna lo pratica perchè convinta che l’altro stia con una che non lo merita (“io ti salverò dalle grinfie di quell’arpia”). L’uomo colleziona tacche, la donna quasi sempre s’innamora mettendo a repentaglio il suo equilibrio e quello delle famiglie all’interno di cui si butta, come un caterpillar, certa di portare il trofeo a casa. Missione pressochè impossibile.
Nello zoo di tutti i personaggi incontrati sul web, quali preferisci? Scegline uno femminile e uno maschile.
Ho preso una sbandata per un lupo, ho incontrato uno squalo sul posto di lavoro, ho collaborato con una volpe, e, per un momento ho invidiato una gazza ladra che aveva trovato il suo pollo da spennare. In certi momenti mi sono sentita sfi-gatta, ma non mi sono data per vinta. Nonostante il carattere da orso. Credo che perseverare come una chiocciola, sia un mantra che tutte dovremmo adottare. Chi va piano, va sano e va lontano: magari con la casa a portata di mano.

Fammi il Decalogo dei comandamenti del Sesso e volentieri…
1) Uomo zelante, uomo amante: sembrava un’aquila per come riusciva a “volare” sempre più in altro. Andava tutto così bene quando l’hai conosciuto. E adesso? Ricordati che la vita è un diagramma e che, ai periodi di bassa marea, seguirà il risveglio di chi ti sembra diventato un orso polare.

2) Ama(ti) et fac quod vis. E’ più semplice di quanto possa sembrare. Non comportarti da talpa, ma impara a guardarti con le lenti giuste davanti allo specchio. Non fermarti ai difetti e ricorda che sono solo la cornice a un quadro e lo aiutano a renderlo ancora più interessante

3) Un camaleonte non lascia un albero se non è sicuro di trovarne un altro: agisci come questo sagace animale e, per non cambiare uomo, cambiati tu con maschere, travestimenti. Così che lui avrà l’impressione di accompagnarsi ogni volta a una donna diversa.

4) Ripetete a pappagallo: storielle e racconti erotici per animare il vostro menage non possono fare male. Un rapporto è come una pianta. Non basta rinvasarla, va curata e seguirla nel tempo.

5) Gatto rinchiuso, diventa leone:  non confondete un micio con un leone. TraditoRE non è il re della foresta.

6) Lacrime di coccodrillo. Mai piangere sul latte versato. Non è stata colpa tua se lui era un lupo vestito da marito ideale. D’altronde gli errori aiutano a crescere.

7)Tre al prezzo di una: dicono che una donna per sentirsi completa abbia bisogno di tre uomini. Uno giovane che la ami in modo totale come si fa con una madre. Un coetaneo per costruire un domani e uno che rappresenti la proiezione di un padre, per appagare i vizi che il marito non concederebbe mai e che il ragazzino non potrebbe permettersi. Occhio però a non incappare in un ventenne viziato e in un cinquantenne tirchio. Io lo dico sempre: meglio restare ai primi danni e dunque al marito brontolone parcheggiato sul divano.

8) Non desiderare la Vuitton d’altre: se vedi donne che hanno tutto (ndr. le gazze ladre di Sesso e Volentieri) ricordati che il loro uomo non deve essere niente di che. O la riempie di regali in quanto fedifrago consolidato, oppure, sotto i pantaloni non possiede un cobra ma un orbettino. In entrambi i casi, meglio perderlo che trovarlo.

9) Pene d’amor perdute: Accade così, si cerca sempre ciò che non si ha. Funziona cromaticamente per il verde del prato del vicino, e per il simpatico amico, che appartenendo al vicino sembra più lungo. Questione di prospettive distorte.

10) E infine, fate le civette, quando lui comincia a darvi per scontate. Attirare l’attenzione su voi stesse sarà il modo migliore per farlo rientrare nei ranghi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida tag: , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Opinionista, Conduttrice Radio e tv e Blogger. Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con tgcom 24 e Cool in Milan, si occupa di programmi sociali, come quelli legati alla tutela degli adolescenti, al bullismo e al cyberbullismo, è Ufficio Stampa di www.primadelclcik.it, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *