Pronto Soccorso…Cinematografico per Cuori Infranti

foto per gentile concessione www.web-spot.it

Manlio Castagna è l’autore di PRONTO SOCCORSO CINEMATOGRAFICO PER CUORI INFRANTI, in vendita in tutte le librerie d’italia e online, con le presentazioni di Pupi Avati, Sergio Castellitto, Filippo Timi e Claudia Gerini-Editore: Il Punto d’Incontro. La bella stagione, si sa, è ideale non solo per la nascita dei nuovi amori, ma anche per il gossip, i tradimenti, le coppie storiche che “scoppiano” all’improvviso. Per questo motivo c’è un pronto soccorso, questo libro. Ogni mal d’amore ha la sua cura, ogni ammaccatura del cuore può essere sistemata, infatti, da un buon film che indica la strada più efficace per guarire. Dove falliscono le parole consolatorie dei parenti, i consigli pieni di buone intenzioni degli amici e il rimuginare della mente, c’è il trionfo del cinema.

Grazie ai “rimedi” cinematografici proposti con taglio ironico, ma con sguardo scientifico e competente, da Manlio Castagna – sceneggiatore, regista e studioso di semiologia degli audiovisivi – scoprirete la potenza dei film per guarire da tutte le pene a cui l’amore a volte condanna. Dalla difficoltà di lasciare all’essere abbandonati, dalla ferita inferta da una scappatella del partner alla paura di lasciarsi andare a una nuova relazione, dalle difficoltà dovute alla propria timidezza ai disagi per la storia con una persona più giovane, come in un prontuario medico, per ogni emergenza sentimentale troverete la giusta cura a base di cinema con tanto di posologia, avvertenze e indicazione del principio attivo. Prefazioni di Pupi Avati, Sergio Castellitto, Claudia Gerini e Filippo Timi.

“Si tratta di un prontuario per guarire dalle ferite d’amore grazie ad ironiche prescrizioni cinematografiche”-sottolinea l’autore-“l’idea è che ogni mal d’amore ha la sua cura, ogni ammaccatura del cuore può essere messa a posto, ogni sofferenza lenita da un buon film che ti indica la strada più efficace per guarire. Dalla difficoltà di lasciare all’essere abbandonati, dalla ferita inferta dalla scappatella di un tuo partner alla paura di lasciarsi andare ad una nuova relazione, dalla difficoltà dovute alla propria timidezza ai disagi per la storia con una persona molto più giovane: si può trovare, come in un prontuario medico appunto, per ogni malattia la giusta cura a base di cinema con tanto di posologia, avvertenze e principio attivo”

Cougar e toy boy sono di grande tendenza, ma anche donne giovani e uomini maturi; quali consigli dai a queste categorie di innamorati?
La “sindrome di Demi Moore” sembra avere la forza di un’ondata virale, ma lo dico senza venature sarcastiche e giudizio negativo. È un fatto che va tenuto d’occhio e che mi sembra molto positivo. Le donne reclamano il diritto a dissetarsi da fonti fresche e spumeggianti e a superare quel tabù piuttosto resistente e noioso che ostacola il rapporto sentimental-sessuale tra una femmina e un maschio molto più giovane. tempi sembrano maturi per rompere questi assurdi pregiudizi. Però attenzione, e la storia della Moore lo insegna, c’è il rischio di farsi del male. Quindi il mio consiglio è di vivere il rapporto con la naturalezza di un menage normale, senza la pretesa di cercare elisir di giovinezza e con la consapevolezza che la maturità è un valore. Come ha scritto Colette (ed era una che se ne intendeva): “Quando una donna matura ha una relazione con un ragazzo giovanissimo , lei rischia meno di lui. In tutte le storie che lui avrà in seguito, sarà marchiato da quell’esperienza”.
Consiglio cinematografico?
Il film CHÉRI con una stupenda Michelle Pfeiffer, tratto – appunto – da un romanzo di Colette.
Come ci si comporta con un traditore e una traditrice?
Dedico ampio spazio a questo argomento nel mio libro. È un “topic” che mi affascina e che purtroppo tutti noi che abbiamo rapporti di coppia ci troveremo ad affrontare: o come traditi o come traditori. Rispondere in poche battute è complicato. E infatti ci sono varie sfumature che nelle mie pagine cerco di tratteggiare. In generale bisogna diffidare dei “traditori seriali”, quelli che hanno l’infedeltà scritta nel DNA: possono smettere per un po’,possono mettere al guinzaglio gli ormoni, ma prima o poi la loro natura reclamerà i suoi diritti. sempre “in generale” il tradimento, più che il traditore, si affronta attraverso tre fasi:
1)    quella di comprensione – capire il messaggio nascosto nel tradimento
2)    quella di sblocco – in cui si supera lo shock e si ricongiungono lentamente i fili spezzati
3)    quella di ricostruzione – in cui si prova a tirar su di nuovo i pilastri della fiducia
Un film quindi puo’ tramutarsi in realtà?
I film sono la strada maestra che porta alla comprensione della realtà. I film sono: vita meno momenti morti. Come una piccola equazione: F = V – MM
F(ilm) = V(ita) – M(omenti) M(orti)
Quale film rappresenta la storia d’amore ideale targata 2012?
È un film che uscirà in ottobre nelle sale italiane. L’ho visto a Cannes e sono rimasto folgorato. Una storia d’amore, di sesso, di vita, romantica senza patetismi, struggente senza essere melensa. Un film francese “UN SAPORE DI RUGGINE E OSSA” di Jaques Audiard con una stupenda Marillion Cotillard.
E lei che film è?
Bella domanda e difficile risposta. Lo dico senza pensarci troppo: IN THE MOOD FOR LOVE del mio regista preferito Wong Kar-Way. Sono quel film perché il titolo mi rispecchia: sono sempre dell’umore (mood) per amare.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *