EXPO DIVENTA POP, CON VIVAIO

expop1Vivaio a Expo Gate: Expop, progetti visionari a confronto
Tutti possono partecipare con le idee per Milano protagonista nel mondo

Sabato 24 maggio l’associazione Vivaio chiama i milanesi a una raccolta di idee. Un appello a chi ha una visione per il futuro delle città, quale protagonista per innovazione e qualità del vivere.
L’evento si tiene presso l’Expo Gate, la soglia di ingresso di Milano all’Esposizione universale, il palco dedicato a Expo nel cuore della città.
L’incontro è aperto al pubblico chiamato a partecipare, votare i progetti più ambiziosi e contribuire alla costruzione di nuove proposte.
Lo scopo è quello di mettere a sistema intelligenze creative per progetti visionari utili alla collettività e cercare le migliori idee proprio laddove si trovano: nella testa di chi vive, lavora o consuma Milano.

Durante la mattinata Vivaio presenterà i progetti partecipativi legati a Expo più innovativi attualmente in circolazione.
Nel pomeriggio, sono previsti dei brain storming aperti al pubblico, per trovare nuovi progetti visionari che possano rendere Milano protagonista nel mondo.
Le idee migliori parteciperanno alla terza edizione di Expop 2014, in programma il 26 giugno al Vivaio Riva (anticipata dalla conferenza di mercoledì 25 giugno, alle 11, a Palazzo Marino).

Di seguito il programma della giornata Xpop di Vivaio. (Sabato 24 maggio, orario: 11-17)
Mattina (11-13):
CAROLINE CORBETTA introduce EXPOGATE
GIACOMO BIRAGHI, coordinatore tavoli expo, moderatore

LUCA BALLARINI, fondatore Bellissimo srl, #expottimisti
EMILIO GENOVESI, curatore Biodiversity Park Expo 2015, #expometropolitana
EDOARDO SCARPELLINI, CEO Milano Card, #expocard
MAURIZIO BRIOSCHI, project manager CEFRIEL politecnico, #e015
BENIAMINO SAIBENE, fondatore Esterni srl, #expoi?
IVANA PAIS, Modacult Università Cattolica, #sharexpo
PAOLO VERRI, curatore palinsesto eventi padiglione Italia, #orgoglioexpo
DANILO DAGRADI, fondatore Milano da Vedere, #expodavedere
OTTO BITJOKA, fondatore Etnoland srl, #expognamgnam

Pomeriggio (13-17):
Nel pomeriggio il pubblico, anche occasionale, verrà coinvolto nella ricerca di progetti visionari e futuribili. I vivaisti e coloro che sostengono l’associazione saranno presenti per mettere lo stile e la capacità di Vivaio nella scoperta delle migliori idee e dei migliori talenti a disposizione di chi è interessato, curioso, vuole trovare nuove idee o dare la sua disponibilità a sostenerle.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Trend setter, ovvero giornalista esperta di tendenze, recepisce le tendenze della moda, del divertimento, del design e del wellness e le anticipa, o, talvolta, le crea e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro, per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai. Per la televisione non succede nulla di diverso: daTelelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.E' senior account della società Spin You di Milano-www.spinyou.it Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *