Food, cocktail e moda protagonisti della notte fiorentina

Jacopo D’Elia (presidente Confcommercio), Sara Nocentini (assessore regionale), Aldo Cursano (Fipe-Confcommercio e Fipe Toscana), Marcello Mancini (direttore La Nazione) e Andrea Lupini (direttore marketing Italia a Tavola)

La Terrazza Brunelleschi è un luogo magico, all’ultimo piano dello splendido Carlton Baglioni di Firenze, dove sono stata ospite dell’evento “Tra Cuochi e Stilisti”, che ha coinvolto anche i barman. Come miglior cocktail è stato scelto quello di Cinzia Ferro, Chiara Cesaraccio l’artefice della migliore creazione di moda. Enogastronomia di qualità è stata abbinata al mondo del design e della moda per un format ideato da Italia A Tavola e organizzato dalla Confcommercio Firenze e Fipe Firenze, che ha allargato la partecipazione ai barman di Aibes (Associazione italiana barman e sostenitori) e Aibm (Associazione italiana bartender e mixologist). La giuria era composta dal pubblico dotato di due schede per votare il migliore cocktail e il miglior abito o accessorio, opera degli studenti dello IED, l’Istituto europeo di design di Firenze e di Milano. 
Accanto al Mini hamburger di filetto di bue con salsa guacamole, del resident chef del Baglioni,Richard Leimer, c’era l’abito creato da Chiara Cesaraccio. Non mancavano il sous chef di Leimer Ludovico Ciaccio e due grandi nomi di Firenze, Marco Stabile de L’Ora d’Aria e Arata Fuchi, maestro di sushi del Kome Restaurant, abbinato a una collana realizzata da una catena di bicicletta, mentre l’abito Onde tra le nuvole era ispirato al Tentacolo di polpo, caviale di melanzane e maionese di pomodori secchi di Ludovico Ciaccio. Oltre agli abiti, anche gli accessori, come “Capriccio estivo”, ispirato al piatto di Marco Stabile: Pomodoro caramellato con burrata, prima arrostito in padella con timo e aglio, poi passato in salamandra con zucchero di canna e infine servito con olio aromatizzato alla scorza d’arancia e germogli di sesamo selvatico e crescione. Tra i barman, oltre alla campionessa Cinzia Ferro, c’erano  Marco Pasquarella, resident barman della Terrazza Brunelleschi, con l’ aromatico Violet Midnight, vodka e liquore ai fiori di sambuco con infuso di rose, more, menta e cetriolo. Il colori del suo cocktail hanno ispirato la creazione del cappellino Amazzonia. I due fratelli di La Spezia, William e Jader Falcinelli, e due fiorentini, Alessio Ceravola e Thomas Martini dell’Harry’s Bar, uno dei miei preferiti hanno retto il confronto con la vincitrice e il romantico Delicate brezze mediterranee (gin, Aperol, bitter lemon con succo di pompelmo, arancio e mango servito con una spuma all’acqua di mare e un rametto di rosmarino), che ha ispitato una maglietta pezzo unico con inserti di tessuti diversi opera di Luca Parenti, docente dello IED e coordinatore del progetto. Andrea Lupini, direttore marketing di Italia a Tavola, ha dato il benvenuto agli ospiti in questa tappa importante che sostiene ed esalta il valore culturale della cucina e mostra lo spirito di squadra che lega moda, arte ed enogastronomia. La manifestazione ha anche espresso il contributo che Italia a Tavola ha voluto dare alle celebrazioni dei 60 anni del Centro di Firenze per la Moda Italiana. La serata si è conclusa tra giochi di luce e musica con la premiazione dei due vincitori e il suggestivo rito dell’accensione di grandi lanterne di carta, volate in alto, seguite da tanti sguardi, nella splendida notte fiorentina.
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Trend setter, ovvero giornalista esperta di tendenze, recepisce le tendenze della moda, del divertimento, del design e del wellness e le anticipa, o, talvolta, le crea e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro, per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai. Per la televisione non succede nulla di diverso: daTelelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Una risposta a “Food, cocktail e moda protagonisti della notte fiorentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *