Novità e proposte già consolidate dal mondo dei bartender!

I creatori del Kilburn made in MIlan

Iniziamo dai cocktail, grandi protagonisti anche dell’estate di questa “Città da Bere”, ma non solo

A Milano è nato Kilburn, di Ennio e Giorgio, che a settembre inaugureranno ufficialmente questo nuovissimo locale, già aperto, in via Panfilo Castaldi 25.

Se l’arredamento è minimal e alle pareti ci sono le foto che raccontano la loro esperienza Londinese, i proprietari, dal sorriso che potrebbe fare invidia a Tom Cruise nel film “Cocktail”, si sono formati alla European Bartender School e a Milano hanno creato un nuovo luogo-culto per gustare cocktail di qualità.

Il menu conta più di 60 drink, oltre a quelli speciali, realizzati dopo un attento studio e utilizzo di misurini per ogni preparazione.

Come si beve qui, non si beve da nessuna parte!”-assicurano.

Oltre alle birre di cui hanno l’esclusiva, da Kilburn si possono gustare focacce di ogni genere, taglieri di pesce freschissimo, piadine gustose e sour che, nella tradizione made in London, vengono preparati con il bianco dell’uovo.

Da Kilburn, poi, il barman diventa anche l’amico del cliente; anche delle clienti donne?

“Essere due bei ragazzi aiuta sicuramente, ma l’importante è la competenza professionale”

Tra i cocktail dai classici Manhattan, Margarita, Mojito, agli speciali Blacko, con sambuca, liquirizia, caffè e menta, Indonesia, a base di Bourbon e liquore alla ciliegia, Daniela’s Passion, o Iuken, o Screaming Orgasm, con amaretto, vodka, Kalua e Baileys.

Dario Comini, invece, è figlio d’arte e bartender da tre generazioni, il nonno ha cominciato la carriera a New York ai primi del secolo; mixologist e consulente delle maggiori case liquoristiche, è pluripremiato e socio Aibes da oltre 30 anni, vanta esperienze di lavoro internazionali ed è patron del Nottingham Forest di Milano e del Gazebo di Nottingham a Parma. I suoi cocktail sono presenti nei migliori bar della Cina alle Americhe. Il Financial Times annovera il Nottingham Forest tra i 5 migliori molecular bar del mondo e, dal 2007 il Nottingham Forest è nei 50 best bar in the world. Nel libro Mix & Drink, come preparare cocktail con le tecniche del Barchef, (Kowalski editore) invita i lettori e il pubblico del Nottingham a visitare il suo laboratorio, a impugnare uno shaker, guardare sferificare una molecola, addensare un jelly, disidratare l’assenzio e sorbire un Unami, perché Comini è anche profondo conoscitore delle leggi chimiche e fisiche  e i suoi cocktail sono diventati veri e propri cult. Tra le tendenze, c’è il cocktail organico, senza sostanze chimiche e che sfrutta le proprietà di erbe e germogli naturali, come i boccioli di Sechuan, ad azione più forte e immediata, che dà un senso di freschezza sulla lingua, oppure Oister Leaves, con foglie di ostrica, un cocktail stimolante servito nell’ostrica con pepe fresco macinato. “Barchef è diventato parte integrante di ogni mixology – dice Comini – che integra le tecniche del bar con quelle della cucina, con infusioni, centrifugazioni, cottura a bassa temperatura, riduzioni di liquore e applicazione ai cocktail. Tutti i mixologist usano erbe, aromi, infusioni, riduzioni di cocktail da sperimentare con pentole da cucina anche a casa”. Un cocktail cool nasce annusando i trend nell’aria e applicandoli ai gusti del pubblico: “Le ispirazioni sono i grandi chef, tutti i piu’ grandi stellati con i quali c’è sempre stato uno scambio – spiega il bartender -. Loro prendono ispirazione dal bar e noi dai fornelli d’elite. Attualmente il trend è anche quello dei cocktail green, verdi, ecologici, organici. Il Martini cocktail è il cocktail più facile e il più difficile e nel mio libro propongo 101 ricette di quelli che preferisco. Gli ingredienti sono pochi, ma sono le variazioni delle percentuali  a rendere totalmente diverso il gusto”.

Quest’anno per il suo trentennale, Hollywood di Bardolino ha realizzato SINATRA, ( nuovo bar in giardino, dove vengono serviti cocktail e long drink a base di liquori super premium e sfiziosi snack notturni); un bancone bar nuovo, sul terrazzo fronte piscina, in polietilene, luminoso, con rifrazioni di luce di grande impatto emozionale.  SINATRA si differenzia dagli altri bar in quanto è dedicato a special cocktails, champagnerie e stuzzicherie, dove vengono organizzate serate e party dedicate ai 30 anni passati, chiamando a raccolta tutti i “vecchi” collaboratori. Tra i cocktail, il Basito con Rum Matusalem Platino, lime zucchero di canna, Ginger ale, basilico. Gin tonic dell’orto: Gin Hendrick’s, tonica, cetriolo, rosmarino, lime. Prima discoteca in Italia a creare una web radio, con 24 ore al giorno con la programmazione “Top 40 Luxury Dance” e programmi dedicati alla migliore musica internazionale dagli anni 70 ad oggi, propone, in diretta tutte le serate dell’Hollywood e durante la settimana anche particolari programmi mixati e curati dai dj-Via Montavoletta, 11 – Bardolino Alta (VR)  tel. 045 7210580. Il FiftyFive o 55 Milano, ha aperto la sua splendida terrazza che domina i tetti di una zona ricca di fascino e memoria. Qui, di fronte alla vecchia stazione della Bullona è possibile godere dell’atmosfera inconfondibile del locale anche all’aria aperta, sulla magnifica terrazza, la più grande della città, raffinata e spaziosa quanto le sale interne, dove gustare cocktail alcolici e non, preparati a regola d’arte dai barman Aibes. Qualche esempio sono i drink alcolici come IL MILANESE: Martini rosso, china Martini, soda, menta, scorza di limone. PIMM’S N1: 4cl Pimm’s, Ginger ale, cetriolo. Analcolici, SHIRLEY TEMPLE: Ginger ale, sciroppo di granatina. I cocktail dopo le 22.30 costano 10€. Con i suoi 600 metri quadrati può ospitare oltre 300 persone, è quindi location ideale per gustare un aperitivo frizzante ed esclusivo, che porta con sè il profumo e i colori dell’estate. Una delle novità dell’estate 2016, oltre al riallestimento degli arredi è l’orto vivo con piante aromatiche seminate in grandi vasi lungo il perimetro della terrazza: rosmarino, lavanda, salvia, origano, basilico, mentuccia, maggiorana, che vengono usate quotidianamente dai barman per preparare e decorare cocktail e long drink.L’aperitivo, dalle 18 alle 22.30 (12€) è il momento clou, sia per la qualità che per l’ampia scelta del cibo e dei drink. Nelle “isole di degustazione” vengono servite specialità gastronomiche calde e fredde, adatte ad ogni tipo di esigenza e di gusti. La drink list è ricca di cocktail alcolici e non, preparati a regola d’arte dai barman. Erbe aromatiche guarniscono cocktail e flute di champagne e sono appunto coltivate in terrazza, secondo una recente e molto apprezzata tendenza. I cocktail dopo le 22.30 costano 10€-55 Milano, via Piero della Francesca, 55 Milano,  tel. 0234936616 www.55milano.com  sempre aperto, dalle 18 alle 2 di notte. Il locale sarà chiuso per ferie dall’11 al 22 agosto.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *