Tutti i party di Capodanno

Dopo un periodo piuttosto lungo in cui i locali italiani hanno proposto party di Capodanno poco interessanti, il 2017 inizia col piede giusto, per chi ha voglia di ballare e far tardi, ma sempre con il sorriso sulle labbra. Nella nostra classifica vanno giù le feste ‘da grandi numeri’ senza né capo né coda, su, invece, i party chic, che spesso prendono vita in ville o location particolari e, oltre ad house e techno, il sound che funziona di più è il reggaeton, di grande tendenza.

Partiamo da quest’ultimo, perfetto per bruciare qualche caloria di troppo muovendosi a tempo, seguendo la crew di Vida Loca, scatenata festa hip hop, r’n’b e reggaeton, non dimostra battute d’arresto. Anzi cresce. E’ senz’altro una delle feste itineranti di maggior successo in Italia (e non solo, visto che quest’estate ha fatto muovere a tempo anche Formentera). Il 31/12 la festa prende possesso sia dello Station Events Arena, a Maserà di Padova sia dello storico Sali & Tabacchi a Reggio Emilia. E’ una doppietta perfetta per chiudere il 2016 in bellezza. In Puglia il ritmo invece è quello eclettico e folle del Samsara Beach, che la notte del 31 dicembre fa muovere a tempo Trani mentre l’1 gennaio, nel pomeriggio si sposta in spiaggia per un beach party folle, il secondo della stagione invernale dopo quello di Santo Stefano.

 

Continuiamo con tre eventi di grandi dimensioni molto diversi: a Ponte di Legno (BS), in montagna, si balla fino all’alba coi ritmi folli di due ragazze scatenate, Ema Stokholma & Valentina Dallari. Il party è #Costez Snow Festival. Entrambe hanno una quantità di tatuaggi notevole ed entrambe sanno come far saltare la pista. A Bologna invece il Capodanno più grande è Genesi, alla Fiera. Insieme agli show ed ai dj resident del Pacha di Ibiza, club conosciuto in tutto il mondo, vanno in console talenti italiani come Francesco Adorisio e grandi nomi della techno come Speedy J. A Roma non ci saranno fuochi d’artificio, ma il sound sarà notevole, grazie a Cosmo, super techno festival che pure lo scorso anno ha avuto un grandissimo successo. In console tra gli altri la bellissima Nina Kraviz, Chris Liebing, Ilario Alicante e Joseph Capriati.

 

Tra le feste più scenografiche c’è senz’altro quello di Villa Fenaroli, a Rezzato (BS). Monumento nazionale settecentesco è adagiato su una collina ed ha un viale d’accesso che dà emozione. In console per Capodanno c’è Nicola Veneziani, dj producer molto amato dal pubblico femminile che ha recentemente remixato “Passion” di Shaggy. Anche il panorama del Lido di Bellagio, a due passi dalla perla del Lago di Como, è unico e fa immergere in quello che ad ogni ora sembra un quadro impressionista. La cena al vicino Silvio Bellagio è sold out, ma chi vuol ballare e prima mangiare qualcosa al Lido trova ancora qualche posto.

 

Anche a Milano l’atmosfera resta chic. Just Cavalli Milano di viale Camoens/Torre Branca continua ad essere probabilmente il locale più esclusivo e internazionale della città. Il Capodanno sara’ dedicato a The Great Gatsby, con un dinner party perfetto per chi vuol sentirsi una star fin dalla cena. Infatti si partirà con Red Carpet e Photo Call, proprio come le stelle del cinema. I prezzi in questo caso non saranno per tutti (il dinner party costa 300 euro), ma una serata così è un’emozione che dura una vita. Chi ama il cibo esotico può divertirsi al Y-Not, dove l’evento è Capodanno a Casa Mia con Alex Peroni, mentre al Garden Gate la festa è Butterfly, un appuntamento gay friendly che mette al mixer frat Naaman e Steee Digei. Chi vuol emozionarsi con un vero musical può invece fare un salto al 55, dove special guest è Bill Goodson, coreografo che ha collaborato con mito come Michael Jackson e creato l’atmosfera di Chiambretti Night. Chi invece va matto per il pesce può scegliere il Pelledoca, già conosciuto anche come ristorante e non solo come discoteca. Grazie allo chef Gianni Tota il livello dei piatti crescerà ancora, mentre alla musica per Capodanno pensa una squadra unica (Paolo Ortelli, Benny Camaro, Peter K, Dj Cloud, Giancarlo Romano voice). Chiudiamo in bellezza con “Noblesse Oblige”, il Private Champagne Party del Cost, in zona Corso Como. L’open bar a base di bollicine non costa una follia e soprattutto l’evento è perfetto per divertirsi con gli amici fino al mattino.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida tag: , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *