Weekend al ritmo dei top dj italiani

L’ultimo weekend di marzo 2017 premia l‘eccellenza italiana. I locali di riferimento, quelle che fanno tendenza, non puntano sempre e solo alle star internazionali, anzi. Accade così che l’1 aprile, al Made Club, ovvero la discoteca più storica di Como e dintorni, torni lo scatenato Gabry Ponte. E’ tra i pochi veri top dj italiani, una star del mixer dai numeri pesanti. A fine anni ’90, con gli Eiffel 65, ha venduto oltre 15 milioni di dischi, e successi come “Geordie”, “La danza delle Streghe” o “Che ne sanno i 2000” lo hanno identificato nel tempo. Come se non bastasse, nel 2014 ha raggiunto la 61esima posizione della Dj Mag Top 100.  Continua a leggere

Food, arte, design, contaminazione e armonia

MICS, nel quartiere Garibaldi-Porta Nuova, è sinonimo di tradizione e rivisitazione della cucina romana in chiave Milanese; qui gli ingredienti tradizionali della cucina della Capitale sono rimescolati in un MICS di composizioni innovative. Anche l’arredo è un MICS di stili, tra design eclettico e stile Grande Mela, ma anche grunge con muri scrostati, tubature a vista, arabeschi, vecchie poltrone da cinema, tappezzeria vintage, un melange di moderno e rustico e architettura post industriale. Su via Pietro Maroncelli si affacciano le tre grandi vetrate del ristorante; dall’esterno, lo sguardo cadrà sicuramente sul grande bancone impreziosito da fregi arabeschi, come si usava nel passato. I muri sono scrostati, i mattoni a vista sono impreziositi con la grafica, le tubature di acciaio attraversano tutto il locale . Anche le sedute nascono con l’dea di una certa libertà di contaminazione, dallo studio e dalla filosofia del ristorante MICS, dove ci si siede su vecchie poltrone di cinema, su sedie di bistrot “d’antan”, quelle di pub Vittoriani. Continua a leggere

I dj italiani fanno ballare il mondo! E tutti i top party del weekend

A Miami, che questa settimana è il centro del mondo della musica dance grazie agli eventi della Miami Music Week, si esibiscono star internazionali e decine di artisti italiani. Oltre a Tale Of Us, Joseph Capriati e Marco Carola, specializzati in techno, che salgono sul palco dell’Ultra, arriva pure Gary Caos, che con Monika Kiss, ormai italiana d’adozione, ha organizzato anche quest’anno l’evento House Stars all’esclusivo The Deck, uno dei locali più scenografici della città. Continua a leggere

Libri, temi sociali, solidarietà world wide

Lunghi applausi hanno accompagnato il convegno organizzato a Milano sul cyberbullismo in un istituto superiore di periferia, il Lagrange-Brera. L’incontro, promosso dall’associazione Haziel onlus, di cui è Presidente Rossana Rodà, ha coinvolto un migliaio di studenti nella scuola in via Litta Modignani, alla Comasina. Una periferia difficile come l’eta’ e l’irruenza dei ragazzi, che sono rimasti ammutoliti di fronte al racconto del maggiore Carmine Mungiello, comandante della Compagnia Duomo di Milano. “Voi vedete la divisa ma ricordatevi sempre che noi siamo al vostro fianco”, ha sottolineato. Sul palco, tra i relatori, Vincenzo De Feo, ingegnere Informatico esperto di problematiche legate agli adolescenti e autore del libro ‘…Prima del CLICK’-www.primadelclick.it- e il giornalista e Direttore Peter Gomez. Continua a leggere

Weekend di dj girl e party che mettono energia

Il vero regno delle donne è la console. Nel weekend che segue la festa della donna, come del resto durante tutto l’anno, alcune tra le più brave professioniste della notte prendono possesso di console d’eccellenza. Il fenomeno è decisamente internazionale, ma le dj girl italiane non sono seconde a nessuno. Spaziano attraverso ogni genere musicale e sono sexy. Proprio come i colleghi maschi. Continua a leggere

Il falegname volante

Oggi vi parlo di Fabiano Ferretti, classe 1984, nato in un piccolo paese del Trentino, appassionato da sempre ai lavori manuali e alla lavorazione del legno. Gli sport convenzionali non hanno mai fatto per lui; infatti, durante l’adolescenza si è diviso tra arrampicata su roccia e downhill/dirt in mountainbike-sport ancora molto di nicchia nel 2000. A 18 anni, mentre tutti i suoi amici praticavano lo sci, ha cominciato la sua avventura con le tavole, senza nessuna guida o consiglio, ha noleggiato uno snowboard, è salito in seggiovia e si è buttato, provando e riprovando. E’ seguito il windsurf e a 25 anni, per pura coincidenza, ha conosciuto il longboard downhill, che lo ha portato subito al livello degli atleti di spicco a livello nazionale, diventando una vera e propria ossessione che lo ha portato a skateare alcune tra le strade più belle d’Italia ed Europa, come il Passo dello Stelvio e molti passi Dolomitici, con le stesse tavole che lui stesso si è costruito nella sua piccola factory.
Continua a leggere