A dicembre si balla: Besame a Villa Bonin (Vicenza), Conor Maynard al Just Cavalli (Milano) e Al-B.Band 

Che sound ha l’inverno 2017 / 18? Diciamo innanzitutto che suona molto bene e che la presunta crisi della nightlife sembra più presente nelle idee di chi ha voglia di starsene a casa in pantofole che nei fatti e nei sogni di chi la notte esce, fa tardi e si diverte. E poi, musicalmente parlando, la tendenza è senz’altro quella di un mix vincente tra pop e reggaeton. Tra i party più hot in quest’ambito c’è senz’altro Besame, che sabato 2 dicembre ’17 fa scatenare Villa Bonin, grande disco di Vicenza aperta ormai 12 mesi all’anno e sempre piena di stile e divertimento. E siccome a tutti o quasi piace muoversi e stare in forma, perché non unire sport e musica? Quella di Besame è una notte ad alto impatto scenografico, con un corpo da ballo spettacolare e il sound curato da professionisti come Double Deejay ed Andrea Bozzi, mentre alla voce c’è la bella (e bravissima) Aryfashion. 

Chi ama invece la house sofisticata, il 2 dicembre può fare un salto al Matis di Bologna. Qui in console arriva Francesco Adorisio.  In compagnia di Frankie Gada, veterano del clubbing e della radiofonia italiana su Studio Più, ha appena pubblicato, su Molto Recordings, il singolo “Make It Right”. E’ un pezzo house carico, con un bel cantato, un groove di percussioni che spinge, tanta melodia. Il brano fa scatenare e viene diffuso da tante, tante radio (tra cui  Radio 105, Studio Più, m2o, Radio Company e tante altre).

 

Chi invece è a Milano, giovedì 30 novembre può scatenarsi con il Captain Morgan Party al Pelledoca. E’ una serata davvero corsara, ovvero piena di pirati, gadget, sorprese e divertimento scatenati. Dalle 20 Happy Hour con Gran Buffet & drink. Da mezzanotte in console Dj Peter K, Giancarlo Romano Voice faranno navigare chi balla nel mare della miglior musica del momento. 

Al Just Cavalli invece venerdì 1 dicembre arriva una star come il britannico Conor Maynard. La sua è una carriera ormai piuttosto lunga. La sua “Can’t Say No” nell’aprile del 2012 raggiunse i 12 milioni di visualizzazioni.  Nel 2016 ha invece pubblicato “Cover”, un disco contiene appunti 13 cover da lui interpretate.

Restando in ambito eccellenza per quel che riguarda musica, ritmo e stile, il tour di Samuele Sartini spinge decisamente forte. Il 23 dicembre e per Capodanno fa muovere a tempo il Pineta di Milano Marittima, che resta un riferimento in Italia e non solo. Venerdì 2 dicembre è al Sesto Senso di Lonato (BS), il 7 al Corte di Torrelonga (BA), l’8 si sposta al Circus di Brescia, il 13 è al Just Cavalli di Milano e via così. Insomma inseguirlo è davvero dura. Gli appassionati di house aspettano con ansia l’uscita del suo nuove remix di un singolo epico come “Love You Seek”, ma nel frattempo da ballare ce n’è. Eccome.

Chi ama infine la musica dal vivo può senz’altro scegliere la Fabbrica di Pedavena di Levico (TN). Qui sul palco vanno i 60 Lire. Sono un gruppo di amici che hanno deciso di vivere e lavorare insieme. La band nasce ufficialmente a Ferrara nel 2010. Desiderosi di sperimentare un repertorio ballabile e cantabile per coinvolgere un pubblico eterogeneo come quello dei lidi Ferraresi, decidono di fondare una band alternativa alle cover band rock di cui fanno già parte… Alla Fabbrica poi la musica viene sempre innaffiata da ottime birre e chi lo desidera può anche cenare con un menu tutto nuovo. 

Il 9 dicembre invece al Piano54 / Des Alpes di Madonna di Campiglio sul palco c’è la Al-B.Band, per un opening party in grande stile. In questi mesi invernali Alberto Salaorni e i suoi musicisti propongono uno show rinnovato, che sul palco ogni sera viene interpretato in modo sempre diverso, con l’immediatezza e l’onestà di una band che sul palco la scaletta la improvvisa sempre, per far emozionare il suo pubblico. Hanno un occhio attento alle novità musicali che, smontate e rimontate nel loro arrangiamento, si mixano (a volte ironicamente) con le radici di un repertorio internazionale ed italiano che spesso sorprende. La nuova formazione della band vede accanto ad Alberto Salaorni (voce e chitarra) e Davide Rossi (basso), Andrea Mai alle tastiere, Alberto De Grandis alla batteria, Irene de Pascalis alla voce, e Claudia Giuliani alle percussioni.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida tag: , , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con tgcom 24 e Cool in Milan, si occupa di programmi sociali, come quelli legati alla tutela degli adolescenti, al bullismo e al cyberbullismo, è Ufficio Stampa di www.primadelclcik.it, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *