Ritratto di donne eccezionali: Raffaella Verri e il suo Couturier Maestri d’Arte

Creatività e intuizione trasformate in impresa; è questo il progetto di Raffaella Verri, che a Milano ha creato “Couturier Maestri d’Arte”, salotto di eccellenze dell’arte, della fotografia, della moda, dei gioielli, dell’architettura, ma non solo. Raffaella è una delle donne eccezionali che mi piace intervistare e che definisco l’ideatrice di un nuovo e moderno concetto di mecenatismo e valorizzazione dell’ imprenditoria italiana. Ricerca e selezione accurata dei brand saranno uniti da un unico comun denominatore, l’esaltazione del patrimonio culturale e artistico italiano e soprattutto siciliano. Sì, perchè è proprio la terra del Gattopardo, tanto amata da Raffaella, l’ispirazione di questa donna, forte ma sensibile, fiera delle sue origini e capace di trasmettere la dignità delle sue tradizioni con la semplicità di chi non deve ostentare. Detesta l’omologazione e ama l’unicità, perchè le scelte devono essere dettate dal proprio gusto, senza uniformarsi mai, per noia, o semplice ignoranza o, meglio, incapacità di capire. Il suo, infatti, è un vero e proprio format che fa cultura, una fucìna, un lab, un contenitore, che raccoglie, racconta, promuove, catalizza, comunica, ma esporta anche un concept, contraddistinto dalla creatività italiana a 360 gradi.

“La Sicilia ha subìto ben 12 dominazioni e ha visto di tutto; questa meravigliosa terra bagnata dal mare, spesso viene comunicata in modo sbagliato”-dice Raffaella-“con questo progetto voglio onorare la memoria di mio padre, che ho perso velocemente in un momento di vita già molto complicato per me, ma, come diceva mia nonna, bisogna trasformare la negatività in positività, perchè, come diceva lei, le migliori opportunità nascono dalle avversità”.

Couturier racconta il passato della Sicilia che non c’è più, tra fasti e affreschi, sino ad arrivare all’uso delle nuove tecnologie. Essere una donna facilita un progetto di questo tipo?

“Certamente, noi donne, oltre alla resilienza e alla capacità di reagire, abbiamo grande spirito di generosità; bisogna aiutare I giovani. Crescere equivale a guardare anche gli altri e non solo noi stessi, fare squadra, credere in un progetto, portarlo avanti con la forza e la competenza di tutti. Senza il mio team non potrei realizzare tutto ciò. Da soli non si fa nulla!”

Quanto tempo è stato necessario per realizzare il tutto?

“E’ sempre in continua evoluzione; questa prima fase di realizzazione ne farà scaturire un’altra, è una continua trasformazione, una sorta di story telling to be continued”.

Il progetto “Couturier Maestri d’Arte”, aperto già dal 21 febbraio, in occasione della Milano Fashion Week, verrà raccontato alla stampa in un incontro che si terrà dalle ore 17 giovedì 28 febbraio in largo Donegani 3-ingresso da via della Moscova-in uno scenario che rievocherà i fasti del Regno delle Due Sicilie, un’esperienza sensoriale tra storia ed eleganza, oggetti di arte, architettura, fotografia, moda, gioielli e pubblicazioni, tutto rigorosamente selezionato dall’architetto Sebastiano Provenzano e tutto in vendita.

Storia e cultura saranno in collegamento direttamente con il futuro, grazie alle moderne tecnologie, come I ledwall che trasmetteranno temi ed evocazioni, facendo vivere agli ospiti una vera e propria experience di grande impatto  e condivisione culturale.

Stilisti, artisti, fotografi e creativi daranno forma a realizzazioni e oggetti, con un’identità, una storia, speciali nella loro unicità, ma condivisibili con tutti coloro che vorranno coglierne la vera essenza.

“Couturier Maestri d’Arte” ospiterà in modo permanente i vini e i prodotti Tasca Conti d’Almerita della tenuta Regaleali.

Couturier Maestri d’Arte è in Largo Donegani 3 a Milano

Ingresso da via della Moscova

 

 

 

Movida tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger. E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. www.francescalovatelli.com Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, Il Giornale.it, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *