La nuova professione di ‘arranger’: intervista a Mariapaola Negri

 

La figura dell’”arranger”, già ben consolidata nel mondo finanziario, sta espandendosi in altri settori collegati al mondo dell’economia
Oggi vi presento un’altra donna eccezionale.
Laureata in Giurisprudenza, Mariapaola Negri fin da subito ha capito che la sua vocazione non era quella di diventare avvocato. Sì, entrare nel mondo degli studi legali era il suo sentiment, ma in realtà per fornire ai professionisti un servizio innovativo e ancora poco noto in Italia, quello di “arranger”, cui è arrivata nel tempo con determinazione e grande impegno.
All’inizio la sua carriera è stata molto formativa, partendo dalla “gavetta”, ovvero da quando, studentessa universitaria, si occupava della vendita dei surgelati Bofrost. Per dirla con le sue stesse parole, questo è stato per lei “un grande insegnamento di vita dal punto di vista di filtro commerciale delle telefonate”.
Chiediamo a Mariapaola Negri quali sono state le sue principali esperienze lavorative
“Dopo l’università ho seguito uno stage per un importante network di agenzie di viaggio e tour operator nel settore dei viaggi studio e della formazione professionale all’estero, partecipando così fattivamente a progetti europei di mobilità per studenti e adulti, oltre a fornire consulenza per viaggi incentive, aziendali e leisure.
Negli ultimi 10 anni, l’attività alla quale mi sono dedicata maggiormente è stata l’outplacement, ovvero l’unico servizio di consulenza professionale che supporta la persona in tutte le fasi della ricerca attiva del lavoro, fino al nuovo inserimento nel mondo del lavoro”.
LE RELAZIONI DI ALTO PROFILO
Una gavetta funzionale che ha portato da quel momento Mariapaola Negri a concentrare il suo lavoro sull’area commerciale e delle pubbliche relazioni d’azienda. Fioriscono così le sue relazioni sia dal punto di vista di amministrazioni pubbliche con enti di riqualificazione come AISO (Associazione Italiana Società di Outplacement) e network di settore come Federmanager (un’associazione di categoria che rappresenta manager con alte professionalità nei settori beni e servizi) e tutte le associazioni di categoria di direzione del personale. Nomi come Manageritalia, AIDP, ecc.
Il suo compito, in collaborazione con le istituzioni sindacali, è stato quello di prendere in mano gli esuberi durante le riunioni operative sindacali per accompagnarli nel mondo del lavoro. “Proprio dedicandomi all’outplacement ho avuto l’opportunità di avere svariate interazioni con persone che mi conoscevano direttamente, ovvero, con la vera e propria ossatura della consulenza” ci confida Mariapaola Negri.
LA FIGURA DELL’ARRANGER
In generale il termine “arranger” nel modo finanziario indica il coordinatore degli aspetti organizzativi di un’operazione di finanziamento complessa (ad es. acquisition finance o corporate finance) così come, in alcuni casi, chi può influenzare decisioni di investimento in mercati, aree geografiche, settori, ecc. Si tratta insomma del soggetto “organizzatore” di specifiche operazioni: in prevalenza finanziarie, ma non solo.
LE OPPORTUNITÀ 
Ad oggi Mariapaola Negri è una “arranger” per svariati studi legali a seconda del core business dello Studio. Per chiarire meglio il termine, le chiediamo in che cosa consista questa specifica sfaccettatura della sua professione.
“Un arranger, come lo intendo io, è la figura di consulenza di uno studio, in questo caso legale o di affari, che ha il compito di intercettare delle opportunità portandole all’interno della azienda a seconda del proprio core business. Il mio compito specifico attualmente è quello di occuparmi degli UTP (Unlikely-to-pay) e degli NPL (Not-performing-loans) inserendo i migliori studi legali nell’orbita delle banche, promuovendo così il loro ruolo di fornitori di servizi, che possono andare dalla vendita all’acquisizione di portafogli, alla due diligence oppure altri servizi legati al credito”.
UNA LOBBY INNOVATIVA
Instaurando questo tipo di processo, Mariapaola Negri è entrata recentemente in attività con una lobby nascente, a livello europeo, il cui primo tavolo sarà tutto concentrato sugli Unlikely-to-pay, in grado di coinvolgere alcune realtà di alto spessore. Questo sarà il primo esempio di lobby italiana in linea con l’ideologia anglosassone delle lobbies comunitarie, ed avrà lo scopo di ottenere risultati concreti a Bruxelles su specifici temi, conformemente alla normativa europea su UTP e altri aspetti collegati.
UNA BUSINESS LINE
In questo momento uno degli obiettivi primari che sta perseguendo Mariapaola Negri è quello di mettere insieme molte associazioni al fine di costruire una sorta di business line interna, a seconda delle varie categorie, e mettere così in contatto dei front composti da una o più aziende (chiamiamoli “ambassadors”) per affrontare insieme problemi, proporre soluzioni, valorizzare le positività e giungere a richieste coordinate nei confronti di Bruxelles.
GLI SVILUPPI FUTURI
Ma c’è di più: Mariapaola Negri, insieme all’Università di Padova, sta creando la possibilità di organizzare un corso per lobbisti, calibrato sulle esigenze delle varie facoltà. E si parla anche di un nuovo network di professionisti da lanciare a livello europeo. Ne tratteremo presto in una prossima intervista. 
Ph credits Greta V. Galimberti

 

 

 

Movida tag: , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger, caratterizzata dal Green Think e dal suo impegno in www.greenandglam.it e nella riscrittura della realtà dell'arte con www.rewriters.it.E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *