Patrizio Fabbri, icona dello street wear, Exclusive Paris

Patrizio Fabbri è un giovane imprenditore, un self made man che si è fatto da solo, simbolo di una generazione di giovanissimi che ha creato un brand di cui è immagine e simbolo, EXCLUSIVE PARIS. Re incontrastato della moda “urban”, creativo, poliedrico, Fabbri è stilista e icona dello “street wear”.

Tutti pazzi di lui e di Exclusive Paris insomma. Fabbri ha creato il suo stile, che lo rappresenta e di cui è testimonial.

“Il 16 Marzo avevo già organizzato uno shooting a Miami per la prima campagna vendite e per la promozione della mia nuova capsule proprio ispirata a Miami, poi tutto si è fermato”-dice Fabbri-“la capsule si ispira a Miami, ma per la prima volta ho creato una linea tutta dedicata alle donne, ci sono 5 capsule, camicette e pantaloni, 5 t shirt e pantaloni corti e 6 dedicate alla donna. Il pubblico femminile ha sempre preso i miei capi dall’armadio del proprio uomo, è appassionato delle tute del mio brand. In questo caso sono il pantaloncino molto femminile e la maglietta corta a fare la differenza. I colori sono tutti ispirati a disegni tipici di Miami e all’atmosfera di questo luogo fantastico”.

EXCLUSIVE PARIS è PATRIZIO FABBRI; fa tutto lui, dalla a alla z, sceglie tessuti, grafiche, vestibilità; ” sono sempre stato un appassionato di moda, sin dalle elementari ero il trend setter della classe, lanciavo le mode e tutti mi seguivano e imitavano. Oggi il mio è il primo brand del Lazio, ho una boutique in via Angelo Brunetti 35 a Roma, in zona Piazza del Popolo”.

Quale è l’età del tuo pubblico?

“Tutti, dai ragazzi alle persone più’ grandi”

Utilizzi influencer per promuovere il tuo brand?

“Exclusive Paris sono io, nel mio piccolo ho 40.000 follower, i miei fans sono tutti acquirenti, è il mio stile, la mia collezione è fatta solo di capi che mi piacciono. Molti mi chiedono di fare start up, ma io preferisco continuare per la mia strada”.

Patrizio ha solo 32 anni, lavora 16 ore al giorno, è un creativo, velocissimo, ogni giorno sforna idee perché bisogna essere competitivi”

In che modo hai avuto successo?

“Sono esploso come fenomeno moda con la tuta di ciniglia nei vari colori, che è andata sold out, il prezzo è per un mercato medio alto. Fuori dal mio negozio c’è stata anche una fila di 5.000 persone, in coda sino alle 20 di sera, ho dovuto anche mettere i buttafuori perché la gente voleva entrare a tutti i costi”.

Sei il simbolo di un giovane che ha voglia di lavorare!

“Non sono un figlio di papà, neppure un raccomandato, vengo dalla gavetta e da una famiglia normale, mi sono fatto da solo, ho iniziato da solo, non sono laureato, mi sono rimboccato le maniche e ho costruito il mio progetto”

Quali consigli daresti a un giovane che inizia a lavorare nel mondo della moda?

“Molti mi chiedono consigli, fare un brand non significa prendere una maglietta già fatta e mettere il proprio marchio, equivale invece ad esclusività a novità”

Quale è la differenza con il mercato di Miami?

“Negli States noi italiani siamo molto apprezzati, la moda italian style è molto seguita e amata, è il genio italiano, in Italia è diverso”

In quarantena cosa stai facendo?

“Sto creando la nuova collezione per il prossimo inverno, sarà ispirata anche al rispetto dell’ambiente”.

Quali sono i tuoi obiettivi futuri?

“Portare il mio brand in tutto il mondo. A Milano vorrei creare il mio store. I miei capi vengono indossati anche dai più importanti trappe italiani, mondo hip hop e settore della musica. Questo momento mi tocca molto interiormente, umanamente per tutta la gente che sta male e anche come imprenditore perché sono chiuso. Su Instagram ho fatto recentemente anche una campagna di raccolta fondi per sostenere l’emergenza e raccogliere fondi da destinare all’emergenza Corinavirus. 

Questo momento passerà e usciremo da questa crisi con un nuovo spirito di collaborazione più forti di prima”

 

Movida tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger, caratterizzata dal Green Think e dal suo impegno in www.greenandglam.it. E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *