Menu digitali sostenibili by Green and Glam

In epoca post Covid 19, ci sono nuove modalità e siamo entrati in un nuovo lifestyle; andare al ristorante, o in albergo, per esempio, prevede nuovi comportamenti, come l’utilizzo di menu vocali.

Abbiamo chiesto a Nicoletta Bucci, creatrice di Green&Glam, come è nata l’idea.

“Prima di entrare nel merito della questione, spiegando la ragione dell’importanza della voce  come strumento di comunicazione, è importante dire che le nuove disposizioni Ministeriali hanno imposto diverse opportunità ai ristoranti per la presentazione del menu a tavola, una modalità nuova che a mio avviso perdurerà nel tempo. Noi ci siamo focalizzati su quella che riteniamo essere la più sostenibile, visto che non c’è spreco di carta, quindi l’utilizzo del QRCODE a tavola, che permette, attraverso lo Smarth Phone, di visualizzare il menu”.

Voi di Green&Glam, pero’, avete fatto di più!

“Poiché i nostri occhi, continuando a guardare immagini, ormai hanno finito di impressionarsi e questa indigestione di informazioni visive ci ha reso “ciechi”, diventa sempre più difficile catturare l’attenzione delle persone; c’è un modo, però, per farlo ed è attraverso LA PAROLA E IL SUONO.

La Storia di un Ristorante, Hotel, Spa, di una località Turistica narrata attraverso la Voce è in grado di creare una connessione emotiva fra chi le racconta e chi le ascolta. Attraverso la narrazione, sono le emozioni a diventare protagoniste e veicolare un messaggio che arriva dritto al cuore.

La Voce e l’audio sono strumenti sempre più importanti nelle strategie di contenuto, questo perché l’udito è l’unico dei nostri sensi in grado di catturare e generare emozione e desiderio con grande capacità di conversione e quindi di acquisto”.

Quanti tipi di menu vocali esistono?Quali sono le caratteristiche, l’utilizzo, i costi?

“Noi di Green & Glam ci occupiamo  di produzioni di  contenuti e guardiamo al presente e futuro cercando di sviluppare idee volte ad una comunicazione consapevole; i prezzi variano a seconda delle esigenze del cliente, ma indicativamente i progetti variano dai 1500 ai 5000 euro”.

Pensi non si tornerà più al lifestyle precedente a livello di alberghi, ristoranti?

“Molte delle abitudini acquisite faranno parte del nostro lifestyle in un futuro che sarà sempre più GREEN,. I menu digitali, una volta acquisiti, resteranno, anche perché l’investimento iniziale viene ammortizzato in brevissimo tempo e se comparato allo spreco di carta e stampa, è sicuramente più conveniente e nel rispetto dell’ambiente”. 

Quali voci usate per i menu vocali?

“Il nostro Direttore della Voce all’interno di Green & Glam è l’ormai noto Andrea Piovan, voce di Planet Earth2 BBC, Rete 4 e Live Non è La D’Urso Canale5 . Andrea Piovan, insieme a Danila Satragno famosa Vocal Coatch dei Big della musica italiana, sta mettendo a punto un progetto, “Natural Voice”, percorso Webiner disponbile da Luglio 2020, ma non solo! Danila e Andrea rappresentano anche due delle Voci Top del progetto dedicato a questa forma di TURISMO ESPERIENZIALE”.

per Info:

www.greenandglam.it

Movida tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger, caratterizzata dal Green Think e dal suo impegno in www.greenandglam.it. E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *