Il lavoro dei sogni diventa realtà. A Scuola Futuro Lavoro il corso di Game Design

Sabato 20 giugno, on line, alle 15, l’open day dei nuovi corsi

Milioni di ragazzi e non solo sono incollati ogni giorno ai videogiochi, da Fortnite a Call of duty, da Minecraft a Fifa2020, l’unica forma di intrattenimento che nel periodo dell’isolamento ha tenuto unite le folle grazie alle sfide virtuali. La dimostrazione del successo è il concerto del rapper Travis Scott andato in onda su Fortnite che ha infranto il record di giocatori connessi in contemporanea sulla modalità “Battle Royale” con oltre 12,3 milioni di partecipanti da tutto il mondo.

Scuola Futuro Lavoro(con sede a Milano in via Ondina Valla 2, angolo viale Cassala 48/1) lancia per la prima volta il corso di Game Design, pensato per chi desidera coniugare la passione per il videogioco con l’occupazione e aspira a una carriera specialistica nel settore videoludico. 

Il docente è Marco Secchi, ingegnere informatico, laureato al Politecnico di Milano, professore di Nuove tecnologie per Arti applicate e Media design e Arti multimediali a Naba, chetratterà sia la parte di sviluppo e programmazione, sia la parte riguardante l’utilizzo di software per la realizzazione di videogiochi: utilizzando come esempi videogame giocati dagli studenti stessi insegnerà come analizzarli e riprodurli all’interno di un game engine,  mettendo assieme le parti scenografiche ideatedagli artisti, da chi fa i modelliol’audio, da chisceglie le palette di colore, studiandoipersonaggie come sparanoe colpiscono i bersagli, come si comporta la fisica, cosa succede quando il personaggio si muove, come produrre effettieesplosioni.

“Nello sviluppo di un videogame ci sonoelementi di matematica, geometria e occorre fantasia afferma Secchi -.  Il mercato è in grande fermento e consente di trovare occupazione sia nella progettazione creativa dei videogames sia nei settori architettonico come mostrano le applicazioni di Ikea, in grado di apportare modifiche fotorealistiche in un ambiente in tempo reale e cinematografico, come per “The Mandalorian” della Disney che si basa sul software creato dalla società Epic Games per Fortnite”.

Il corso di Game Design di SFL si articola in 400 ore di lezione declinate in 11 moduli formativi. Si utilizzerà il motore grafico multipiattaforma Unity 3d che consente lo sviluppo di videogiochi e altri contenuti interattivi, quali visualizzazioni architettoniche o animazioni 3D in tempo reale.

Il corso attraverserà moduli di narratologia e fondamenti di sceneggiatura, animazione in Unity 3d, linguaggi di programmazione e architetture software. Nella fase operativa lo studente, avendo imparato come si realizza un titolo in una software-house, lavorerà su un progetto di design originale.

Sono nove i corsi di Scuola Futuro Lavoro: oltre a Game Design, Visual Effects, Data Science, Digital Fabrication, Informatica 4.0, Web Design, Videomaking, Fotografia e Cultura visiva e Archiviazione e Documentazione multimediale.

Per iscriversi all’open day scrivere a info@scuolafuturolavoro.it indicando il nome e il cognome del partecipante e un recapito telefonico.

Scuola Futuro Lavoro

in via Ondina Valla n. 2 / angolo viale Cassala n. 48/1 – Milano

   
   

 

Movida tag: , , , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger, caratterizzata dal Green Think e dal suo impegno in www.greenandglam.it. E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *