BuyU, l’app Italiana a sostegno dei negozi di abbigliamento fisici

La moda è stata uno dei settori più colpiti dal Covid 19, specialmente se si pensa al retail fisico.

Difatti, l’emergenza Covid in Italia ha messo in ginocchio il retail del settore moda, il quale già soffriva di una crisi pregressa.

Secondo il report “Fashion High Street 2021 post pandemia 2020”, realizzato da World Capital con Federazione Moda Italia Confcommercio, il settore del retail in Italia ha subito un forte calo prevedendo una perdita complessiva di 20 miliardi di euro di consumi nel solo dettaglio moda nel 2020, su quasi 60 miliardi di euro complessivi; la chiusura definitiva di 20 mila negozi di moda in Italia su 115 mila punti vendita; e una ricaduta sull’occupazione per oltre 50 mila addetti su 310mila.

I dati confermano il momento di difficoltà che sta attraversando il retail fisico nonchè l’intera filiera della moda, abbigliamento, calzature, pelletterie ed accessori.

La pandemia ha difatti accelerato diversi trend tra i quali: calo della domanda, sostanziale passaggio allo shopping digitale e minore peso del travel retail.

Ad oggi, il retailer si trova ad affrontare una serie di sfide senza strumenti tecnologici che potrebbero aiutarlo nell’acquisizione di nuovi clienti.

Si è riscontrato che vari negozi di abbigliamento si trovano quotidianamente ad affrontare molteplici problematiche, dovute al cambiamento di tipo sociale e tecnologico.

Da qui nasce Buy U, un’applicazione per smartphone gratuita, che esercita nel settore moda e abbigliamento presentandosi sul mercato con l’idea di ridurre i tempi di ricerca di un prodotto desiderato dall’utente, indirizzandolo verso lo store più vicino.

L’utente, il cosiddetto “Buyer”, tramite un servizio di geo-localizzazione potrà ricercare qualsiasi brand o prodotto presente in lista nel più breve raggio possibile.

Tramite l’interazione con alcuni filtri disponibili nell’app, si ha la possibilità di generalizzare o dettagliare la ricerca a propria scelta, per poi essere indirizzati verso lo store che possiede il prodotto desiderato più vicino.

Per il retailer, invece, BuyU rappresenta uno strumento assai innovativo con cui potrà creare una vera e propria vetrina online ed avrà l’opportunità di caricare al suo interno i vari prodotti presenti nel suo store.

Grazie a BuyU ogni retailer potrà digitalizzare l’esperienza di shopping e raggiungere i suoi clienti target a costo zero, rispetto a quello degli strumenti tradizionali di offline e web marketing, aumentando in questo modo considerevolmente la loro visibilità investendo il tempo minimo necessario.

 

«La moda – ha spiegato il Ceo di BuyU Francesco Romano – è stata uno dei settori più colpiti dal Covid 19, specialmente se si pensa al retail fisico. La pandemia, avendo impresso una forte spinta alla digitalizzazione per ragioni di distanziamento sociale, ha contribuito ad intensificare l’utilizzo delle varie piattaforme di shopping online. A causa delle numerose restrizioni, i piccoli dettaglianti hanno subito la concorrenza di grandi colossi dello shopping online, vedendo i loro fatturati ridursi drasticamente. BuyU è una lotta contro il tempo: è la modernità che incontra la storicità, che ne ricorda le tradizioni. Sintetizza due mondi diversi che cercano di coesistere lottando fra loro: il commercio fisico e il commercio online ».

BuyU nasce dall’esigenza di risollevare le sorti del retail fisico in Italia.

La startup italiana vede al futuro con speranza attraverso una mission ben precisa: aiutare i punti di vendita fisici promuovendo una user experience phygital – dal digitale al fisico.

Il phygital è il concetto alla base dell’app gratuita che vede la tecnologia come un ponte tra il mondo digitale e quello fisico con l’obiettivo di fornire all’utente esperienze complete ed innovative. 

Ad oggi, c’è la tendenza a non percepire più un confine netto tra le due dimensioni, portando il consumatore a prediligere un’esperienza ibrida, fluida e senza interruzioni. BuyU risponde a queste esigenze, unendo la comodità della ricerca online con il diletto dell’esperienza in-store.

Movida tag: , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger, caratterizzata dal Green Think e dal suo impegno in www.greenandglam.it e nella riscrittura della realtà dell'arte con www.rewriters.it.E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *