Araba Fenice per Oncologia ADDARII

Ivan Damiano Rota, Eliana Miglio, Emanuela Gentilin, Silvia Salemi, Camilla Lucchi, Francesco Butteri

Tanti ospiti, per un evento benefico, capitanati dal sovrintendente alla Scala Alexander Pereira con la compagna stilista Daniela De Souza:“ARABA FENICE per Oncologia ADDARII” è un charity event che si é svolto a Palazzo Re Enzo, a Bologna.
L’idea nasce da due donne, grandi amiche, che hanno condiviso un comune percorso, quello della lotta contro il cancro: Loredana Ranni, giornalista e scrittrice, ed Anna Maria Nigro, direttore artistico ed anima del progetto. Un evento nato, quindi, da un vissuto personale e dal desiderio di dare la meritata visibilità ad un centro oncologico d’eccellenza, l’Oncologia Addarii, che con i suoi oltre 60 anni di storia è un punto di riferimento per tutte le donne con tumori alla mammella e ginecologici. Continua a leggere

“ARABA FENICE per Oncologia ADDARII”

IL PROFESSOR CLAUDIO ZAMAGNI

Il prestigioso charity event si svolgerà il 9 marzo 2019 a Palazzo Re Enzo, a Bologna. L’idea nasce da due donne,  grandi amiche, che hanno condiviso un comune percorso, quello della lotta contro il cancro: Loredana Ranni, giornalista e scrittrice, ed Anna Maria Nigro, direttore artistico ed anima del progetto. Un evento nato, quindi, da un vissuto personale e dal desiderio di dare la meritata visibilità ad un centro oncologico d’eccellenza, l’Oncologia Addarii, che, con i suoi oltre 60 anni di storia, è un punto di riferimento per tutte le donne bolognesi e della regione Emilia Romagna con tumori alla mammella e ginecologici. Interverrà, per aprire la serata, il Prof. Claudio Zamagni, che ci parlerà dei 60 anni di storia dell’Oncologia Addarii, del lavoro pioneristico svolto ma, soprattutto, sensibilizzerà sull’importanza  della diagnosi precoce e sulla collaborazione multidisciplinare nella diagnosi e cura della patologia oncologica mammaria nell’ambito dei Centri di Senologia (Breast Unit) che l’Italia, tra i primi paesi in Europa a farlo, ha istituito secondo le raccomandazioni della Commissione Europea del 2006.

 

Continua a leggere