Il guru del bartending internazionale

Dario Comini è figlio d’arte e bartender da tre generazioni, Il nonno ha cominciato la carriera a New York ai primi del secolo; mixologist e consulente delle maggiori case liquoristiche, è pluripremiato e socio AIBES da oltre 30 anni, vanta esperienze di lavoro internazionali ed è patron del Nottingham Forest di Milano e del Gazebo di Nottingham a Parma. I suoi cocktail sono presenti nei migliori bar della Cina alle Americhe. Il Financial Times annovera il Nottingham Forest tra i 5 migliori” molecular bar” del mondo e, dal 2007 il Nottingham Forest è nei “50 best bar in the world”. Nel libro “Mix & Drink, come preparare cocktail con le tecniche del Barchef”, Kowalski editore-invita i lettori e il pubblico del Nottingham  a visitare il suo laboratorio, a impugnare uno shaker, guardare sferificare una molecola, addensare un jelly, disidratare l’assenzio e sorbire un Unami, perche’ Comini è anche profondo conoscitore delle leggi chimiche e fisiche  e i suoi cocktail sono diventati veri e propri cult. La tendenza del momento è il cocktail organico, senza sostanze chimiche che sfruttano le proprietà di erbe e germogli naturali, come i boccioli di Sechuan, ad azione piu’ forte e immediata, che dà un senso di freschezza sulla lingua, oppure Oister Leaves, con foglie di ostrica, un cocktail stimolante servito nell’ostrica con pepe fresco macinato; “Barchef sta diventando parte integrante di ogni mixology” dice Comini-nottingham-forest.com-“che integra le tecniche del bar con quelle della cucina, con infusioni, centrifugazioni, cottura a bassa temperatura, riduzioni di liquore e applicazione ai cocktail. Tutti i mixologist usano erbe, aromi, infusioni, riduzioni di cocktail da sperimentare con pentole da cucina anche a casa. Un cocktail cool nasce a