La cucina è un palcoscenico, l’attore protagonista lo chef

Giovane, bravo, simpatico e affascinante; parliamo di Simone Rugiati, che ama definirsi “lo chef senza ristorante”.

Simone, il 28 Novembre, sara’ il protagonista, al Bistrot Bovisa, dalle ore 21,00, di uno “Show Cooking”, progetto itinerante, che verra’ proposto una volta al mese, ideato allo scopo di spiegare perche’ le persone mangiano proprio quel piatto e quel cibo, cosa si mangia e come si prepara e perche’ viene proposto sulla tavola.

Cos’è lo showcooking? “Non è un gioco per la Wii, ma uno performance live”-dice Rugiati-“uno chef cucina dal vivo, davanti a un pubblico, trasferendo ricette, trucchi e curiosità alla platea su piatti che verranno subito dopo assaggiati. E’ una non cucina, in un non ristorante con un non chef; l’idea è nata nel 2006, a Montecatini, a Capodanno, mi chiesero di organizzare una cena per il 31, volevo apprezzassero e desideravo spiegare il mio showcooking, il mio marchio, che nasce dall’esigenza di voler spiegare cosa si mangia, perche’, cosa c’è all’interno, istruzioni per uso e consumo . Meglio avere qualcuno che ti spieghi. Mi piace cambiare sempre showcooking con idee diverse e un pubblico pronto a divertirsi. Non voglio fare il professore della padella, uso i tempi morti per rispondere alle domande del pubblico, si è comunque in cucina idealmente e concettualmente con lo chef, che è in sala con il pubblico, in contatto diretto con i commensali”

E’ un modo nuovo e un po’ pazzo per vivere una serata di alta ristorazione abbinando gusto, atmosfera e divertimento, grazie al maestro Rugiati, chef che sa unire alta cucina a spettacolo, un personaggio eclettico con uno stile unico e inimitabile e una indubbia riconosciuta professionalità nel mondo dell’alta ristorazione. Tutto cio’ permettera’ di creare una serata evento particolar e diversa, offrendo una Food Experience. “La ciliegina dell’evento” sarà il sorriso di Rugiati, grazie al dialogo con il pubblico e al coinvolgimento dei presenti.

Rugiati è un giovane chef  televisivo conosciuto per le sue trasmissioni sul Gambero Rosso Channel e sulla Rai; porta in giro le sue cene come in una tournée, divertendo il pubblico con il suo modo informale e “piacione” di cucinare e raccogliendo applausi per la bontà dei menu (concreti e gustosi tra l’altro) e per la facilità con cui fa meritoriamente informazione in materia di alimentazione. Il 28 Novembre, sui maxischermi scorreranno spezzoni di film famosi come ispirazione di piatti che caratterizzano scene cult di noti trailer. Il menu sara’ fisso, show e cena costeranno 40 euro a testa, per sei portate, il tutto “Condito” , dopo la cena, da un DJ SET, mentre, durante la cena, il sound accompagnerà le immagini che scorreranno sugli schermi del locale-info tel.02/36577828.

Talent della cucina Italiana Simone Rugiati a 30 anni è uno dei volti più noti tra gli chef italiani. Formatosi all’Istituto Alberghiero di Montecatini dopo alcune esperienze in importanti ristoranti in centor Italia approda da Food Editore dove in 5 anni scrive oltre 200 libri, dirige due riviste e collabora con i più importanti chef Italiani. Simone Rugiati diventa noto al grande pubblico grazie alle trasmissioni televisive “Il piatto è pronto” e “La Prova del Cuoco” su Rai 1; da li viene scelto da Gambero Rosso Channel che lo sceglie come talent e per cui tutt’ora conduce due trasmissioni: “Io, me e Simone” e “Nudo e Crudo” entrambe leader di ascolti. Da maggio 2011 conduce per LA 7 “Cuochi e Fiamme”, altra trasmissione che ottine ottime critiche e ascolti. Rugiati è testimonial di diverse aziende, non solo in ambito food, ha pubblicato 3 libri: l’ultimo “Storie Di Brunch” uscito in novembre 2011 ha ottenuto ottimi risultati di vendita e conduce la rubrica “Fish % Chips” in onda ogni mattina su Radio Kiss Kiss. Simone è inoltre titolare del “Simone Rugiati Catering”.

Gli chef, oggi, sono grandi seduttori; noi di Movida vogliamo proporre un ritratto inedito di Rugiati, proprio dal punto di vista della seduzione.

Qual è il tuo concetto di seduzione?

“MMMMh…vuole dire tutto”-risponde Rugiati-“cio’ che mangi, prometti, vedi, fai, mmmmh è per sempre”

Preda o cacciatore?

“Cacciatore con molte armi, puo’ servire la bomba a mano o la pugnalata; mi armo con i missili, ma, poi, il corpo a corpo è quello che mi riesce meglio”

In cucina come te la cavi? Ahahaha

“Bene, ma anche in sala, nel bagno, in corridoio ahahah, la cosa fondamentale è fare solo gli antipasti, se sei bravo, smetti di mangiare”

Piatto forte?

“Mi piacciono i piatti di pesce, le spezie, i cibi leggeri, profumati, gli agrumi, che lasciano il palato pulito e la bocca fresca”

Biancheria intima per te e per lei, quale scegli?

“Vedo poco la sua, va via tutta insieme, io uso gli slip e non commestibili”

Come uomo come ti definisci?

“Il diavoletto con la faccia d’angelo, ma dipende dalla donna, sono comunque passionale, non troppo perche’ stucca, ma essere gentleman mi piace, sono del segno dei Gemelli”

Tipo ideale di donna?

“Dipende, per una sera bella, simpatica, non amo quelle arroganti, se no non arrivano all’aperitivo, per una relazione seria, invece….non lo dico, perche’ non voglio che arrivi quella giusta, in generale mi piacciono alte, magre, ma non anoressiche, in jeans, con un bel lato b, la prima regola, belle gambe e sedere stretto, vado a periodi per le more o le bionde. Quando sono stato a Beirut impazzivo per questi occhi allungati, ma a volte adoro le more con occhi grandi invece”

Posto piu’ strano dove hai fatto l’amore?

“Ho perso la verginità sul biliardo, amo i posti strani, anche se non ce ne sono, va sempre bene, ho anche una macchina sportiva a due posti….”

Esistono cibi afrodisiaci?

“Non è l’ingrediente, ma come si serve e propone a renderlo erotico, bisogna preparare cibi da mangiare con le mani, da intingere, in modo ludico, guardandosi negli occhi, è la condivisione del cibo a rompere il ghiaccio, imboccandosi, mentre le mani si toccano. Ho spiegato anche come cucinare e ravvivare un rapporto in cucina con le 10 regole dello showcucching”

Ce ne sveli qualcuna?

“Non pensate ai piatti sporchi, si cucina con il vino aperto e nei calici e la musica di sottofondo, è il piacere dell’attesa, si cucina in due, si dividono i compiti, lo stesso, da fare in due, sempre vicini, ci si imbocca mentre si assaggia, decidendo insieme, senza che nessuno prenda il sopravvento sull’altro”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida tag: , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *