“Dialogo nel buio”, gli scrittori spengono la luce

Stasera, per il consueto “contributo” alla città di Milano, “20 autori” si mettono nei panni “dell’altro”, partecipando alla mostra/percorso al buio organizzato dall’Istituto dei ciechi di Milano, in Via Vivaio 7. Un’idea di Stefania Nascimbeni, con la direzione artistica di Valeria Merlini.

Dopo il successo dell’Harlem Shake per gli scrittori (2013), con un video video uscito su tgcom24 e diverse testate, il Bookcrossing Day in beneficenza per gli ospedali (2011), insieme con L’Associazione di Comunicazione Responsabile “Sobjective”, con oltre 2.000 libri raccolti destinati alle strutture ospedaliere della città, gli autori sono di nuovo insieme per l’appuntamento di sensibilizzazione alla lettura durante il periodo di Natale. È ingiusto fare una lista di nomi per ordine di importanza di chi ha deciso di partecipare a “Dialogo nel buio”, si tratta di ben 20 “persone” che vivono di scrittura, un grande amore del quale non potrebbero mai fare a meno, le quali hanno deciso di mettersi “in gioco”, se così si può dire, per entrare nella sfera opposta, ovvero quella del non vedente, che per ovvie ragioni ha un approccio diverso alla lettura tradizionale. Al contrario di quel che si può pensare, i ciechi sono fantastici lettori, che (semplicemente) utilizzano metodi differenti, come il breil, l’audiolibro, o le lenti di ingrandimento. Ecco perché gli autori hanno deciso di fare questo regalo all’Istituto, per vivere insieme, anche se solo per un’ora, una quotidianità nella quale poter dire, finalmente, di essere tutti uguali.
Cos’è “Dialogo nel buio”?
Si tratta di un percorso, in realtà più una Mostra, durante la quale i normo vedenti, accompagnati da guide cieche, si trovano ad affrontare alcune scene di vita quotidiana, come districarsi nel traffico, dover ordinare al bar, o la semplice deambulazione al buio, nella totale oscurità, al fine di poter sperimentare una differente “visione” del mondo. Sul sito www.dialogonelbuio.org potrete consultare orari, date e la rassegna stampa di questo evento aperto al pubblico, che ha riscosso un notevole successo da tanti anni a questa parte.
“Non è stato difficile ricevere le adesioni dei colleghi (scrittori) – dice la Nascimbeni – “Perché quando c’è passione per ciò che si fa, amore e rispetto per il prossimo, siamo davvero una cosa sola” “Gli scrittori sanno essere molto autoironici, poi, aperti, davvero disponibili a mettersi in discussione” “La lettura rende liberi, come dice Carlo A. Martigli” “Sarà l’occasione per mettersi a nudo in una situazione diversa dall’ordinario, potendo dare un contributo, chi di noi vorrà potrà donare i propri libri, ebook, audiolibri all’Istituto, naturalmente con dedica personalizzata e soprattutto con la propria voce”
“Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi” – diceva un certo Piccolo Principe e sostiene anche Valeria Merlini, critico letterario di Panorama.it, partner di questa iniziativa – “Io ho un cuore che vede benissimo, mentre la smania di leggere tutti i libri del mondo affatica i miei già provati occhi. Voglio mettermi nei panni di chi ha un senso in meno, o che fa un po’ cilecca come nel mio caso, per tentare di vedere in maniera alternativa la quotidianità che sempre viene data per scontata”.
Gli autori, giornalisti e critici letterari che parteciperanno al “dialogo nel buio”, con aperitivo finale “rigorosamente al buio”, insieme con Stefania Nascimbeni e Valeria Merlini, sono: Irene Cao, Federico Baccomo (Duchesne), Eva Clesis, Giovanni Gastel Jr, Lucia Tilde Ingrosso, Ilaria Sicchirollo, Roberto Rasia Dal Polo, Giuseppe Franco, Chiara Beretta Mazzotta, la vostra trend setter Francesca Lovatelli Caetani, Massimo Milone, Carmen Fiore (Presidente dell’Associazione Sobjective), il produttore tv Gianni Paolella e l’ospite d’onore, nonché opinion maker, Frederic Gebhard (non vedente, scrittore, attivista per la difesa dei diritti degli animali) (e amico).
L’appuntamento è fissato per stasera, dalle 19.15, all’istituto dei Ciechi di Milano, in Via Vivaio al 7.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *