Locali di successo, nuove serate, inaugurazioni

JUST CAVALLI

Al Just Cavalli, da sempre un punto di riferimento per la città e gli eventi internazionali, la novità è l’ottima cucina diretta dallo chef Fabio Francone, che molti hanno definito couturier del gusto, che ha ideato un menu italiano con tocchi internazionali.Non manca, per iniziare, l’aperitivo, da gustare in uno dei luoghi piu’ fashion di Milano, tra armonie di vetro e metallo, cuscini animalier, arredi black e pareti cristallo.

Nel menu c’è l’imbarazzo della scelta come la catalana New Style con astice e gamberi viola, i paccheri all’astice secondo la ricetta Cavalli, il Plateau Royal di King Crab dell’Alaska. Il ristorante è un’esperienza culinaria innovativa, con servizio molto attento e carta vini con ampia selezione di etichette di qualità; arredi e mise en place sono altamente glamour e sofisticati, il ristorante ha un audio ad alta tecnologia e un sistema di illuminazione con fibra ottica e mini proiettori, tra zone lounge e chill out sotto il dehor. Di sera il tocco glamour è ancora piu’ spiccato, tra divani, torce, candele e candelabri. La mise en place è fatta con prodotti unici, Roberto Cavalli Home, gia’ da tempo applicato nella decorazione di case, barche, negozi e Club nel mondo. Le fonti di ispirazione sono il viaggio, il sogno, la bellezza, la fantasia, il mix tra moda e design e glamour e sensualità, tra stampe iconiche e patterns delle collezioni della Maison, dall’animalier, ia damaschi, alle sovrapposizioni di colori e textures, con grande attenzione per materiali, tessuti, lavorazioni.Le serate iniziano alle 19.30 con l’aperitivo, i cocktail e i buffet. Dopo mezzanotte, si aprono le danze e non è difficile incontrare personaggi del mondo dello spettacolo, della tv e dello sport. La musica è selezionata dai dj italiani e internazionali durante serate e feste e la filosofia del locale è quella di proporre feste uniche. Nello scenario milanese uno dei party più storici e vitali è Fidelio, il martedì notte scatenato che prende vita al The Club. Il focus dei soci è da sempre quello di eventi notturni di alta qualità nel rispetto della migliore tradizione italiana. Per chi non lo sapesse, Fidelio è una splendida opera di Ludwig Van Beethoven, ma anche la parola segreta che gli invitati al party di “Eyes Wide Shut”, il capolavoro di Kubrick, devono pronunciare per entrare in un mondo di sensualità. I dj resident di Fidelio Milano sono l’inarrestabile Stefano Pain, Ale Bucci e Mavee. Resident Voice: Gaty Vocalist. I ballerini sono veri performer e fanno parte del collettivo EWS. Ogni martedì Fidelio ospita gli staff di alcuni dei più importanti locali italiani-The Club-via G. Garibaldi 97. A Milano, quindi, la movida funziona anche durante la settimana e al Cost ogni giovedì c’è Smaila con un’atmosfera scatenata per tutti e dall’aperitivo alla notte. Cost, di Carlo Luardi e Federico Culpo, due giovani imprenditori con già diverse esperienze nella ristorazione e nell’intrattenimento, hanno creato un ambiente fatto di alti soffitti e grandi vetrate, eleganti lampadari anni ’20 in cristallo e tappezzerie damascate. Cost, in via Tito Speri, coniuga l’ambiente ricercato e la cucina dai sapori mediterranei.Ogni giovedì Umberto & Rudy Smaila salgono sul palco, per un dinner show di divertimento e vip amici di Smaila.
Chi ha voglia di cantare e ballare in uno dei locali più vivaci e fashion di Milano è il benvenuto. Il venerdì e il sabato sera Cost propone aperitivi, dinner show e dj set di qualità. Nuovissimo il Grey’s Elite Club, due dancefloor hi-tech con il meglio delle one-night in città. A pochi passi dalle colonne di San Lorenzo, negli spazi che un tempo erano iregno incontrastato di dark e underground , proprio accanto il cinema Eliseo, dopo un restyling realizzato da Daniele Beretta, è diventato un ambiente hi-tech in cui dominano il grigio, tra marmi, specchi, giochi di luce, sedute capitonnè e turbo sound, un mix tra vintage e futuristico. Attivo cinque giorni su sette, tra serate, crew e one night, il Giovedi’ è Popstarz! il meglio di disco, house, techno, minimal ed elettronica, la serata Sabotage , invece, è ogni mercoledì sera, musica elettronica e hip hop, con sfumature di uk funk, drum n bass, dubstep, trap, moonbathon e techno, ospitando in consolle guest eccezionali della scena italiana dell’hip hop. E ancora venerdì Eliseo celebra il ritorno di una one-night a cura di Dorian Gray (dell’indimenticata London Loves), con una serata che si ispira alle sonorità dei club europei più cool, tra installazioni d’arte contemporanea. Dal 16 ottobre. Il sabato Don’t Worry, è dedicato ad un pubblico universitario e non solo, e parte già dall’aperitivo, dalle 20.30 alle 22.30, per poi proseguire fino a notte fonda con ritmi commerciali e edm.Dal 10 ottobre-via Torino 64, Galleria Eliseo – Milano
“Frozen Star” è tornata al G Lounge di via Larga 8; serata mitica e progetto ideato dall’eclettico protagonista della nightlife Arthur O’Neill, nato per condividere i valori che non mutano nel tempo, come la bellezza, lo stile e l’essenza dell’essere; come sempre è un mix di ospiti vip, bollicine, favolosi cocktail, animazione di aitanti e discinti go-go boys, tanta buona musica commerciale selezionata dal bravo dj Slave affiancato dalla conturbante vocalist Francesca Galliano. Fiat Open Lounge continua ad offrire un aperitivo in grande stile. Piu’ piano bar e più divertimento, con musica e canzoni, grandi letti a baldacchino, soffici pouf beige, è ricco di novità. Spicca la serie di sedute e tavoli “Fiat 500 Design Collection” composta da sofà, tavolini e consolle. Tutti i mobili prendono ispirazione dalla FIAT 500 anni ’70. Al centro del locale troneggia l’imponente bancone bar total white, con le originali lampade dal design moderno, dove la barlady Ombretta Argiolas, tra i vari cocktail propone un cocktail masterpiecereloaded rifatto e rivisitato dal nome Anita. Lo stile rimane un raffinato mix dal sapore indonesiano giocato tra grandi vetrate, piante e sofà, per ricreare il comfor.Il locale può essere un luogo ideale anche per cene, party-Fiat Open Lounge Milano Via A. Di Tocqueville, 3. I giovedì sera si chiameranno MASTERPIECERELOADED e saranno allietati dal piano bar di Ale Moretti, tra stili e generi apparentemente lontani tra loro, un vortice musicale mescolato all’intrattenimento del pianista più impertinente! Dalle 19, aperitivo con buffet, pianobar dalle 21.Il venerdì, dalle 22 è la volta del pianista cantante Walter Ser, patito della Dance-pianobar, il sabato sera Djset con Andrea Savio, la domenica, dalle 19.00 PIANO BAR, con atmosfere anni ‘60/’70 per serate in stile “dolce vita”, con Lorenzo Zambianchi. Dal punto di vista enogastronomico sono tre le novità milanesi, come Platina, in via Lecco 18, nuovo concept store specializzato in produzione artigianale, vendita diretta e somministrazione di pasta fresca di alta qualità. Si tratta di pasta, che viene prodotta in diversi ingredienti nell’ottica di una diversificazione del target (semola classica, integrale, al kamut) e che viene distribuita,venduta e somministrata all’interno del punto vendita/ristorante, aperto 7 giorni su 7. Milano, città sempre più cosmopolita e diversificata, costituisce lo scenario ideale per lanciare questo nuovo modo di concepire la pasta, finalmente acquistabile in boutique con Platina.
Un alimento artigianale, universalmente amato e riconosciuto, che con questo nuovo format basato sull’altissimo pregio e sull’elevata qualità combinata alla distribuzione e somministrazione al dettaglio, consente ai milanesi e al pubblico internazionale di scoprirne il vero sapore autentico. E’ anche possibile, non solo acquistare la propria pasta preferita, ma anche osservare l’intero processo di lavorazione, grazie alle macchine presenti sul punto vendita e in vetrina, insieme a un esclusivo personale addetto che guida il cliente, oltre che nell’acquisto, anche in un’esperienza visiva e sensoriale che grazie a Platina consente di assistere all’intero processo di produzione del prodotto, non più esclusivamente vivibile in luoghi lontani come gli antichi mulini in campagna.
Special – Hamburger & Italian Fast Food, invece, è l’hamburgeria dal tocco italico nel quartiere Isola, in via Carmagnola 8, una casa rustica, con un vecchio camino con mattoni a vista, originale di inizio ‘900 45 comodi posti e un angolo con giradischi e tanti vinili da scegliere.
Gli hamburger sono diversi dal tipico piatto simbolo della cucina statunitense e i 200 grammi di carne scelta piemontese sono mixati con ingredienti tipici della tradizione italiana, come quello con “pummarola”, cipolla caramellata, melanzana sott’olio, lardo e pecorino di Pienza, il Super Burger con spinacini freschi, pomodori secchi, verza, peperoni grigliati, speck e fontina, il Megaburger con pomodoro San Marzano, caciocavallo, friarielli, capocollo e rucola al “panino del mese, fino alla variante vegetariana. Qui è sempre possibile creare il proprio panino scegliendo tra le tante proposte persino avocado, olive taggiasche o un uovo all’occhio di bue. Da non perdere, le patatine rustiche fritte con la buccia, i chicken nuggets (striscioline di pollo impanate e fritte) o le insalatone. Denim Cafè è il nuovissimo american bar&restaurant dal design unico. Un ampio spazio dominato dal bancone, dove abili barman diretti da Cristiano Tito miscelano cocktail classici o innovativi. Le pareti sono ricoperte di tessuto jeans che rimanda al nome del locale; l’arredamento è in legno e ferro con qualche tocco vintage come i divani e le poltrone Chesterfield e le due splendide poltrone egg chair in acciaio e pelle anticata. Scaldano l’ambiente lampade, memorabilia, fiori, libri, giochi da tavolo, candele e fotografie che danno all’insieme un sapore accogliente e intimo. Dalla colazione al dopo cena Denim Cafè è pronto a scandire ogni momento della giornata e la cucina propone piatti in stile street food americano con influenze di altre culture e abbinamenti mai scontati. Per la colazione caffè 100% arabica del Brasile e Coracolito colombiano; i Sandwich Gourmet sono il fiore all’occhiello del locale, Denim Burger con pan brioche, 200gr. di carne, cipolla caramellata, cetrioli pickled, salsa speciale Denim, oppure Turkey Sandwich, pane francese, tacchino arrosto, pomodoro, cipolla caramellata, avocado, bacon, mayo e senape di Dijon.
All’ora dell’aperitivo per accompagnare i cocktail o un calice di vino viene servito al tavolo un piatto degustazione preparato al momento.Nel dopo cena si sceglie in una selezione di drink raffinati e originali, non manca il brunch, ogni domenica, alla carta e a buffet. Di contorno a tutte le delizie c’è un panorama musicale ampio e accuratamente scelto. Il Denim Cafè è al piano terra dello “storico negozio della Levi’s”, centinaia di tipi di jeans e altri capi di abbigliamento-Denim Cafè via Verdi 104, Cernusco Sul Naviglio(MI)
Belle Donne Bistrot-3663799176-il giovedì organizza un aperitivo gourmet con dj set; Iin Via Tortona, nel cuore pulsante della movida e quartiere del design milanese, in una nuova location ricercata, caratterizzata da attraenti pareti con mattoni a vista, particolari lampadari, suggestivi quadri in bianco e nero, sedie e tavoli dall’aria retrò con luci soffuse che rendono intimo ed accogliente l’ambiente, la “nuova” cucina italiana d’autore è alla portata di tutti, una cucina mediterranea contemporanea dedicata e pensata per un pubblico giovane che ama le sperimentazioni ma che non può permettersi i prezzi dell’alta ristorazione. Si possono trovare classici della cucina toscana come la tartare di Chianina o la Pappa al Pomodoro insieme alla quinoa e ai paccheri di astice. Durante la settimana sono molti gli appuntamenti dedicati all’aperitivo o ai percorsi gastronomici, alcuni fissi come il giovedì l’aperitivo con Dj set curato da Andrea e Michele o il venerdì e sabato con i “percorsi gourmet” da 30 euro vini inclusi e musica live o il Brunch classico e veggie del sabato e della domenica.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *