Il divertimento è “lirico”

Pavarotti Restaurant ingresso

Proseguono al Pavarotti – Milano Restaurant Museum, di Piazza Duomo 21, i concerti lirici del giovedì sera (a partire dalle 22.00) che ci accompagneranno dall’inverno fino alla primavera. Sul palco della Sala Big Luciano, si esibiscono soprani, tenori e musicisti della Fondazione Luciano Pavarotti.
Il ristorante-museo, dedicato al grande Maestro, è nato da un’idea di Alessandro Rosso (Seven Stars Galleria Italia) e Nicoletta Mantovani per creare un luogo che ricordasse il tenore e la sua vita. Entrando da Piazza del Duomo 21 o da Via Silvio Pellico 2 e prendendo l’ascensore in vetro fino al quarto piano, si entra in un edificio storico dentro Galleria Vittorio Emanuele II. Qui si possono gustare ottimi piatti della cucina tradizionale emiliana, terra di origine di Pavarotti, a cui l’artista era fortemente legato, e selezionatissimi vini delle migliori Cantine nostrane e non.

Sulle pareti del ristorante-museo si leggono citazioni, si ammirano disegni, oggetti e abiti appartenuti al Maestro, che ripercorrono la sua carriera artistica.
Certamente una cena alla carta più che piacevole sulle note delle arie più famose del tenore. Un’oasi culturale nel cuore della città. Queste serate hanno il chiaro intento di proseguire la missione che ebbe come pioniere mondiale proprio Luciano Pavarotti con il suo Pavarotti and Friends: riportare la lirica alla gente comune, come patrimonio di tutti. Il calore e il coinvolgimento da parte del pubblico presente in platea sono sempre molto intensi ed emozionanti.

Grande attesa per la serata di giovedì 3 Marzo, quando sul palco si esibirà Elisa Balbo, voce incantevole e magnetica, soprano riconosciuto a livello internazionale. Selezionata dalla Luciano Pavarotti Foundation nel 2013, ha portato la sua voce a New York, al Teatro La Fenice di Venezia e a Piazza Grande a Modena. Nello stesso anno è stata solista alla manifestazione Opera on Ice 2013 e ha intrattenuto l’evento di inaugurazione della maison Valentino a Shangai.
È stata diretta dal Maestro Riccardo Muti durante il concerto al Teatro Comunale di Modena per l’80esimo anniversario della nascita di Luciano Pavarotti. Alla parola “lirica”, Elisa abbina poesia e bellezza.

Partite nel 2015, queste cene con concerto live del giovedì, hanno reso il Pavarotti – Milano Restaurant Museum protagonista indiscusso del panorama tanto culturale quanto enogastronomico milanese e l’affluenza dei clienti/spettatori ne è la dimostrazione.
La prenotazione è consigliata tutta la settimana, ma specialmente per le cene del giovedì che sono seguite dal concerto. Si tratta certamente di una location con un quid in più.

Nei progetti del ristorante c’è la volontà di ospitare quanto prima dei corsi pomeridiani per adulti e bambini di lirica e pianoforte. Per maggiori informazioni potete contattare direttamente la location scrivendo a info@pavarottimilano.com o chiamando il 02.45.39.76.57.
Sito: www.pavarottimmilano.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista esperta, anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con Libero, tgcom 24 e Radio Number One, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi.Collabora come account di Media Production. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *