Il Made in Italy vince anche all’ora dell’aperitivo

Dettaglio norcineria da PreTesto

A Milano l’aperitivo regionale vince sull’happy hour; così sembra in una Milano sempre piu’ alla ricerca di novità nella giungla di locali con banconi e chilometrici buffet. Ma le eccellenze del Made in Italy sono sempre vincenti, soprattutto per chi cerca la qualità di piattini serviti al tavolo-il  buffet fa orrore agli intenditori!-e una scelta di piatti tipici delle tradizioni popolari.

L’aperitivo regionale nasce dall’esigenza di trasmettere i sapori e i profumi che emergono dalle radici di questo territorio. Resta  un momento spensierato, di relax e si sceglie di far arrivare al tavolo la bontà, scegliendo magari un vino italiano come il Campano Aglianico DOCG, con crostini con verdure grigliate, funghi porcini, salumi e formaggi e non puo’ mancare, ovviamente, la mozzarella di Bufala con prosciutto crudo, i bocconcini di provola affumicata, la ricotta di bufala dolce con crostini, accompagnata da insalata di pomodori con basilico, olive nere e grissini per rendere l’aperitivo un momento unico.  E’ un aperitivo ricco di sapori e basato sulla qualità, l’elemento da non trascurare mai, anche per chi opta per i cocktail, o le birre esclusive.

 

Il made in Italy vince, quindi, sull’happy hour?

L’Happy Hour, presente tutti i giorni dalle 18 alle 21, è basato sull’idea del finger food. L’aperitivo è un momento di gioia e si sceglie di far arrivare al tavolo la qualità”

 

Vino regionale e cocktail, binomio possibile anche mixando i due elementi?

“Il mondo del “bere” tende a suddividere in vari gruppi le persone. C’è chi ama il vino, chi, invece, i cocktail, chi ama, poi, le birre. Si accontentano tutti, tenendo sempre in mente una sola regola, bere bene. Cocktail unici Italian style, selezione di vini italiani e birre esclusive straniere, sono pronti per essere serviti ai nostri clienti, esperienze da non perdere.

Da “Pretesto”- Umbria food lovers-in viale Montenero angolo Fratelli Campi 2, invece, primo bistrot e bottega 100% umbro, l’aperitivo è fatto da calici di vini di cantine regionali e birre artigianali, il tutto accompagnato dalla torta al testo-al posto del pane-una pentola di ghisa antica, sulla quale viene cotta questa tipica focaccia, molto digeribile, tipica della tradizione contadina, con farina, acqua, sale e un pizzico di lievito. I taglieri serviti al tavolo sono un trionfo di pecorini di varie stagionature, salumi della Norcineria Umbra, come ciauscolo, capocollo, cinghiale, ma non mancano i fritti e la porchetta tutti i giorni -su richiesta. L’aperitivo costa 10 euro e comprende un calice di vino, un drink, o una birra e il tagliere con la torta al testo. Creatività e passione sono qui conditi con un pizzico di glam per un aperitivo da veri gourmet. Da PreTesto gli chef sono “in vetrina”, cosi da poter ammirare incuriositi la preparazione e il percorso dei prodotti utilizzati è controllato dall’origine sino al piatto, curando nel dettaglio anche la mise en place! PreTesto è anche bottega: diversi prodotti sono acquistabili, per avere a casa un autentico pezzo di cultura gastronomica umbra da gustare in tutta comodità. Le specialità di PreTesto sono disponibili e fragranti tutto il giorno, anche da asporto: per uno spuntino veloce in giro per Milano in puro stile street food da asporto, passeggiando in giro per la città per un gustoso break, o per una serata speciale a casa.

Alla Focacceria San Francesco, invece, in via San Paolo 15, infine, ci si sposta nella terra dell’Etna; qui l’aperitivo siciliano con calice di vino, o drink e piattino misto costa 8 euro, tutti i pomeriggi dalle 16 alle 19, dal lunedì al venerdì. Gli altri giorni non c’è la formula a 8 euro ma si puo’ ordinare comunque il proprio cocktail o il bicchiere di vino preferito accompagnato dalle specialità tipiche palermitane, come panelle, arancine, caponata, panino con la milza, pasta con le sarde, pasta alla Norma, sarde a beccafico. Per concludere in dolcezza, si possono ordinare cannoli, o cassatine, o decidere di fermarsi per la cena. Il piattino, anche qui rigorosamente servito al tavolo e sempre diverso, è caratterizzato da street food tipico siciliano, una cultura gastronomica risultato dell’influenza di diverse culture e tradizioni, che hanno definito nel tempo i sapori.

 

Movida

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger. E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. www.francescalovatelli.com Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, Il Giornale.it, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *