Ritratti di Donne

Viene da Vigevano ma la sua vita è ovunque e aperta sempre a diverse esperienze, che stimolano il suo desiderio di sfida; parlo di un’altra donna eccezionale, Maria Barbato. Un giorno-era il 2004- ha incontrato il suo amore, poi diventato suo marito, chef rinomato, precursore dei tempi, Rico Guarnieri, che aveva viaggiato ovunque portando in Italia le sue idee rivoluzionarie. “Nel 2005 abbiamo aperto il ristorante Teatro 7 a Milano, con cucina a vista, web cam che andava in streaming, foto che si aggiornavano, proponendo i primi team building, le lezioni di cucina, con la prima scuola nel 2006 che sembra nuova anche oggi”-dice Maria Barbato-“era un personaggio eclettico, poi un incidente in moto l’ha portato via e io mi sono trovata sola. Nel 2008 ho iniziato a fare catering con Armani SPA e continuo anche oggi, gestendo tutto il food&beverage degli spazi in zona Tortona, il ristorante interno e tutti i servizi relativi a showroom, sfilate e presentazioni. Con me da 12 anni ci sono 30 dipendenti che lavorano; dal signor Armani ho imparato –e sono le cose che ammiro-che è lui il primo lavoratore della sua azienda, un perfezionista e che ogni giorno equivale a mettersi in gioco”

La scuola di cucina Teatro 7 di via Thaon De Revel a Milano si dedica, ancor oggi, agli eventi aziendali, ai format di cucina, ai compleanni, alle feste di importanti programmi tv, come Masterchef, ma è rivolta soprattutto alla normal people e non solo ai vip; “la cucina è un modo per far scoprire anche la buona alimentazione, equivale a un metodo educativo”aggiunge-“si fa sentire il prodotto, lo si annusa, si racconta il piatto”.

Cosa ne pensa dei reality di cucina e della figura dello chef star?

“Ci sono troppe trasmissioni, solo alcune sono di qualità. La quantità ha inflazionato l’argomento, trasformandolo in una moda”.

Perché si chiama Teatro 7?

“Identificava la mia passione per il teatro e il numero astrale e di nascita di mio marito; il ristorante, parallelo alla scuola di cucina, aveva la cucina rialzata ed era un po’ un palcoscenico. Oggi c’è anche il concept store, sorta di temporary che vedrà a breve la collaborazione con grandi marchi e un importante cambiamento per il 2018”

Come si definisce?

“Sono una donna sempre di corsa, a volte senza filtri anche sul lavoro, non abbastanza cinica e cattivella. Sono energica, sensibile, altruista, mi metto sempre in gioco.

Sono a favore dei giovani e nei miei progetti, a breve, c’è quello di fare da ponte per tutti i ragazzi che escono dalla scuola superiore alberghiera e si trovano in una fase intermedia, prima di andare a lavorare nei grandi ristoranti. Si toccheranno tutte le tecniche di lavorazione, dalla conoscenza della materia, alla sua lavorazione, per essere pronti ad andare a lavorare in cucina.

Durante il corso verranno a trovarci chef di livello-la ciliegina sulla torta dell’argomento trattato-con una visione diversa, quindi spunti e un valore aggiunto. Diamo particolare attenzione alle generazioni che rischiano di essere risucchiate dal web, nell’età difficile che è l’adolescenza. Proprio adesso stiamo iniziando un corso per teenagers, senza bevande alcoliche e con orari preserali. Perché imparare a farsi un bel piatto di pasta è sicuramente più divertente che farsi schiavizzare dal web!”

Come concilia vita privata e lavoro?

“Ho un bambino di 4 anni e un compagno con cui lavoro; si occupava della parte web, adesso è coinvolto a 360 gradi nell’attività. Così stiamo sempre insieme? No, ci vediamo solo di notte!”

Il giorno 11 dicembre Teatro //Lab -per i giovani e con i giovani ospiterà, dalle 17,30 alle 19,30, la presentazione del ibro “Prima del click” di Vincenzo De Feo, Ingegnere Informatico, esperto di problematiche giovanili, bullismo e cyber bullismo. L’autore parlerà della sua esperienza di genitore, sviscerando i tanti pericoli della vita di un adolescente; in questa occasione, verranno presentati i nuovi corsi di cucina di teatro7, dedicati ai ragazzi: un modo nuovo e sano di impiegare il tempo, alternativo all’ossessione del web. Lo chef di teatro7 Alessandro De Santis farà un breve showcooking con uno dei piatti proposti per i corsi teenager e durante l’evento, per i ragazzi/e presenti, sarà possibile “mettere le mani in pasta”, seguendo le istruzioni di Alessandro. Agli adolescenti verrà offerto, in omaggio, un voucher per partecipare ad una delle lezioni a loro dedicate. Durante l’evento sarà possibile acquistare il libro e farselo autografare dall’autore.

info telefono-02 8907 3719

 

 

Movida tag: , , , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Opinionista, Conduttrice Radio e tv e Blogger. Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Attualmente collabora con tgcom 24 e Cool in Milan, si occupa di programmi sociali, come quelli legati alla tutela degli adolescenti, al bullismo e al cyberbullismo, è Ufficio Stampa di www.primadelclcik.it, svolge attività di ufficio stampa per famosi brand del settore food e vitivinicolo, noti ristoranti, locali fashion, personaggi del mondo della tv, è impegnata su cause e programmi sociali, come primadelclick.it, grandi chef, scrittori. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview per concept store dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *