Nel salotto delle arti i volti segreti dell’anima

 

Il 29 Novembre, dalle 18,30, alla Trattoria Toscana di corso di Porta Ticinese a Milano, “Bridge of the Artist” presenta “I Volti segreti dell’anima”, 11 pittori del Ponte degli Artisti che esporranno le loro opere nel locale di Daniel Prigioni, un vero e proprio salotto delle arti a Milano.

La Trattoria Toscana proporrà l’apericena dalle 18,30-10 euro e dalle 21,00 Cena degli Artisti a 15 euro.

Sino al 13 Dicembre il pubblico potrà ammirare le opere degli 11 artisti e, con questa mostra, Trattoria Toscana inaugura un ciclo di eventi dedicati all’arte in tutte le sue forme, come è nella natura del luogo e del mood dello stesso proprietario, imprenditore illuminato e cantante.

Tra gli artisti, Andrea Polenghi, che, alla fine degli anni ‘70 decide di approfondire un interesse, da sempre coltivato, affrontando studi sulle culture orientali in generale e sulla lingua giapponese in particolare. L¹approccio e l’approfondimento della disciplina meditativa zen hanno sicuramente dato una svolta al suo modo di vedere le cose e di leggere la realtà, anche dal punto di vista artistico. Luigi Borgognoni, invece,  ha un percorso artistico sempre in evoluzione, cerca di esprimere non ciò che è visibile, ma evidenziando l’invisibile. Con determinazione e carisma, attraverso le sue opere esprime grande sensibilità nel trarre vicissitudini e inquietudini dell’essere umano. Cerca massima espressione nelle sue delicate pennellate cariche di sentimento, con la forza nell’andare oltre, nel vedere svariate sfumature di colore in una pittura che è solo in bianco e nero, seguendo la sua strada senza indietreggiare con la consapevolezza del suo istinto. Caro ( Carmelo Paolo Carlo Roccazzella ) figlio d’arte di papá Liborio Diego, ha percorso per vari anni il duplice binario di ” docente di Storia dell’Arte” e  pittore.  Grazie alla sua costanza e tenacia, Caro si è distinto nelle varie rassegne collettive e personali con premi, e segnalazioni critiche sia in Italia che nel mondo. La poetica artistica di Caro  è caratterizzata da una rappresentazione variegata della vita attraverso una iconografia ampiamente composita e sempre vibrante e densa di ironia. Lo stile pittorico  , un espressionismo caleidoscopico di forte impatto comunicativo , si identifica attraverso una equilibrata conversazione cromatico/spaziale tra le parti  rappresentate. Così larghe pennellate segniche si armonizzano a stesure ed emozioni puntiformi in un insieme espressivo che trova nella forza della materia ( spesso sabbia di fiume ) e del colore (  olio, o acrilico )  una vivace cifra di pulsante rappresentazione di tecnica mista  su tela o masonite. Tante opere, tante mostre ma, e soprattutto un grande e immenso amore per la pittura, per l’arte in generale. Nel 2004 ha avuto un importante riconoscimento che gli è stato assegnato da Vittorio Sgarbi in occasione del concorso ” Morbidamente Donna ” organizzato dalla casa di moda Elena Mirò.a Milano. Nel 2011 viene invitato a partecipare all ‘evento “SGUARDO AL NOVECENTO ITALIANO ”  presso il castello Sforzesco di Vigevano, tra cui opere di Guttuso, Cascella, Brindisi, Gonzaga, Nespolo, Rotella, Schifano e Treccani.

Giuseppe Belli, fotografo ritrattista e un pittore, dopo anni di lavori ad olio di ispirazione surrealista, è passato alla realizzazione di sculture in legno e lavori in materiale vario. La scelta di passare a una forma più tridimensionale dei lavori deriva dall’esigenza di far uscire il soggetto dal quadro dandogli una dimensione tattile. E’ affascinato dalla ruggine, che riproduce fedelmente nei quadri, in quanto  materia viva e capace di plasmare le forme creando trame leggere, colori caldi. La ruggine vista anche come metafora della metamorfosi che il tempo esercita su tutto. Ma anche come cambiamento che è imposto dalla natura vitale ed evolutiva delle cose. Attualmente è impegnato alla realizzazione di due collezioni di lavori che utilizzano materiali, in prevalenza riciclati, denominate “Bestiario a Vapore” e “Solo Latte (senza Lattosio)” . La prima è costituita da uno zoo di creature bizzarre ispirato ai Bestiari Medioevali ed anche alle illustrazioni dei libri di Jules Verne. Animali a vapore come automi di un retro futurismo Vittoriano. Li ha realizzati in legno e cartone e gli ingranaggi sono stati riprodotti con precisione. Per la seconda collezione ha utilizzato lattine riciclate per creare ritratti ispirati ai lavori della grande artista futurista Regina Cassolo Bracchi . Leonora Rapezzi nasce nella pittoresca Maremma Toscana dalla quale adotta colori e sentimenti. Milanese di adozione, frequenta il liceo artistico e la scuola di nudo all’Accademia di Belle Arti di Brera. Impara le tecniche della prospettiva, dell’anatomia e della figura per poi essere libera di spaziare nella creatività. Eclettica, ha lavorato nel settore pubblicitario per vari anni e successivamente, dopo essere stata a bottega da mastri vetrai, opera per un lungo periodo nel suo laboratorio di vetro artistico Tiffany con grandi soddisfazioni. Ha eseguito vetrate, complementi di arredo e altro ancora ricercando sempre una forma nuova e di design al passo con i tempi. Ma non dimentica il suo primo e grande amore. Torna a colori e pennelli e partecipa in questi ultimi anni a manifestazioni, mostre e concorsi con i suoi dipinti ricchi di colori e di contenuti, raccogliendo riconoscimenti ed anche alcuni premi. Leonora attinge dalla realtà per poi trasformarsi e plasmarsi attraverso le sensazioni e le espressioni della sua intimità, si rivolge a temi attuali a volte con molta ironia a volte con immagini oniriche e fiabesche. Non ama molto spiegare ciò che rappresentano i suoi quadri, ognuno di noi ha delle corde interne che vibrano in modo diverso e la libera interpretazione ci rende partecipi e autori in modo indiretto dell’opera. MaKa, sin da piccola, sente il bisogno di esprimere il suo mondo interiore che spinge prepotentemente. Primo grande amore la musica. Cantautrice. Due anni fa scopre l’espressione materica e comincia ad esplorare i colori. Trova in questa forma d’arte il suo completamento artistico. Musica, parole e materia… questa è Maka.

Nadia Torchia da oltre un ventennio si dedica allo studio dell’Arte. Diploma alla Scuola d’Arte del Castello Sforzesco col massimo dei voti, frequenta gli studi dei Maestri Benito Trolese, Alberto Rovida, Sergio Vatta, Oswaldo Rodriguez Hugeto. Dà vita ad un gruppo artistico “VenerArte” con il quale allestisce mostre in tuttoil Paese. Partecipa a mostre collettive e a concorsi artistici ove il suo.lavoro non passa inosservato. Organizza mostre personali sul territorio nazionale. Studia e lavora nel suo studio in Milano, “Arte 273”. Rank vive e produce nella sua casa laboratorio a Milan. Ha iniziato tardi a fare arte figurativa, a concretizzare sogni e visioni accumulate in una vita; ma una volta aperta la miniera ha cominciato a riempirsi la casa e la vita di sculture, dipinti, readymade, lampade, mobili e oggetti vari e tutto quello che la fantasia può suggerire, come se tutto fosse già lì, ad aspettare di essere scoperto. E la scoperta continua. Roberta Andressi si dedica alla pittura come espressione artistica. Dal 2012 partecipa a molte collettive d’arte e mostre personali in Italia, ha frequentato due corsi di ritratto ad olio con Michela Bodoni. La sua passione sono i colori che si fondono armoniosamente con le forme, che acquistano leggerezza, sensualità, forza o drammaticità a seconda del soggetto rappresentato. 

SIMONA CIARAMICOLI

Simona Ciaramicoli ha sempre amato la pittura e l’arte in generale. Si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Brera laureandosi con lode, presentando la tesi dal titolo La piega, il corpo e la materia. L’inflessione o linee di P. Klee attraverso un testo di G. Deleuze. Con la prevalenza di colori scuri identifica le ombre, elemento che determina la linea, la piega e la fluidità di un corpo femminile; così facendo cerca di far prendere vita al corpo tra il mondo e se stesso, contrastando l’elemento principale con colori di fondo energici e significativi aiutandosi con il contrasto di materiali opachi come l’acrilico contrastato a volte con smalti lucidi. In ogni dipinto cerca di far emergere la bellezza del corpo, la sua leggerezza e la sua importanza in ogni posa.

PIERLUIGI BRUNO-COME PROFONDO IL MARE

Pierluigi Bruno ha una pittura di stampo espressionista che traspare dall’utilizzo di colori accesi e vivaci, di figure geometriche, dal gioco tra luci e ombre con un’insolita ricchezza di contenuti. È presente con l’opera “Metropolis” in mostra permanente presso il MAC a Bhaia (Brasile). Ha partecipato a concorsi e manifestazioni ricevendo diversi premi e riconoscimenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Movida tag: , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Opinionista, Conduttrice Radio e tv e Blogger. E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. www.francescalovatelli.com Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni. Collabora con tgcom 24, Il Giornale.it, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come quelli legati alla tutela degli adolescenti, al bullismo e al cyberbullismo-www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa per famosi brand. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale, diventa collaboratrice de La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, di Panorama-Periscopio, Libero, Il Tempo, con una rubrica e una collaborazione come corrispondente per le sfilate milanesi,TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style due rubriche, così come Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore e direttore di testate, collabora anche con molte radio, da 101 a Radio Lombardia, passando per 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione non succede nulla di diverso: da Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, ad Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, alla Rai, con Corrado Tedeschi, a Matchmusic, solo per citarne alcune, così come Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv come opinionista, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting. Modera presentazioni di libri ed eventi, partecipa a programmi tv come opinionista, realizza, come giornalista in video, servizi e interviste. Insomma, il suo percorso da giornalista è a tutto tondo, caso più unico che raro nel panorama italiano. Negli ultimi anni ha anche curato, come Ufficio Stampa, numerosi brand in fase di lancio o gia’ noti, si è occupata di strutture turistiche, organizzato mostre per giovani artisti, press preview dedicati al food, ristoranti e locali alla moda, o design, personaggi, societa' di comunicazione,grandi eventi. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *