Freia Farmaceutici: la Commissione Europea punta sul gusto Made in Italy per migliorare l’alimentazione di pazienti anziani e oncologici

La Pmi milanese ottiene un finanziamento europeo per creare un’innovativa linea di alimenti a fini medici speciali basati su derivati di canapa sativa: l’obiettivo è coniugare gusto e benessere nella migliore tradizione italiana. Il progetto prevede inoltre lo sviluppo di una app che consenta ai pazienti di valutare con facilità la qualità del pasto e della comunicazione con il personale medico.

 Qualità Made in Italy e innovazione scientifica: sono questi gli ingredienti alla base della ricetta studiata da Freia Farmaceutici, Pmi italiana pioniera nello sviluppo di dispositivi medici, alimenti a fini medici speciali e integratori a base di canapa sativa, per migliorare l’alimentazione di pazienti anziani e oncologici. Una proposta basata sul connubio tra gusto e benessere, che ha convinto la Commissione europeaa finanziare il progetto dell’azienda milanese nell’ambito del progetto INCluSilver, cofinanziato nell’ambito del programma di ricerca continentale “Horizon 2020”,che mira a sostenere la collaborazione tra attori appartenenti a diversi settori al fine di creare le giuste condizioni per generare e convalidare idee innovative con un elevato potenziale di mercato nel campo della nutrizione personale dedicata alla popolazione anziana.

Il progetto di Freia Farmaceutici nasce per rispondere all’esigenza di coloro che hanno la necessità di nutrirsi con alimenti dietetici speciali, come pazienti oncologici e anziani affetti da sarcopenia(la perdita di massa muscolare nel corso del processo di invecchiamento), da patologie croniche o debilitati da interventi chirurgici. Persone che oggi, nella maggior parte dei casi, devono integrare l’alimentazione con soluzioni nutrizionali in polvere solubile in liquidi, percepite più come medicinali che come vero e proprio cibo con un conseguente rischio di scarsa adesione alla terapia o alla dieta prescritta per la propria salute.

L’obiettivo di Freia è quello di valorizzare il know-how pluriennale maturato da un lato grazie al lavoro di ricerca sulla canapa sativa e dall’altro grazie allo studio condotto tramite indagini e test di prodotto in alcuni dei più grandi distretti gastronomici d’Italia(ad esempio quelli di Napoli, Bari e Parma) per sviluppare alimenti che non siano solo salutari ma soprattutto “buoni da mangiare”, come nella miglior tradizione culinaria del Paese. Soluzioni basate su derivati di canapa sativa clinicamente testate, sostenibili e non Ogm, con elevati valori nutrizionali e un apporto proteico di originale vegetale, dunque in grado di evitare l’aumento dei marcatori dell’infiammazione.

Una migliore alimentazione, in questo caso, fa rima con migliore comunicazione: nell’ambito del progetto, infatti, verrà sviluppata e testata un’app che consenta ai pazienti di valutare con facilità non solo la qualità del pasto, ma anche quella della comunicazione con il personale clinico, dal medico agli infermieri: l’obiettivo è quello di comprendere al meglio le esigenze, fisiche e morali, degli assistiti, nell’ottica di una sempre maggior umanizzazione delle cure.

Iscritta al registro delle Pmi innovative, Freia Farmaceutici è una delle due aziende europee – l’unica in Italia – ad aver sviluppato soluzioni terapeutiche a base di canapa sativa registrate presso il Ministero della Salute, prive di THC e CBD. Grazie a una lungimirante strategia R&D in ambito agronomico, estrattivo e farmaceutico, Freia è titolare di sette brevettie ha già lanciato sul mercato diversi prodotti farmaceutici destinati a pazienti sottoposti a trattamento radio e chemioterapico, affetti da dermatite atopica e da dismetabolismo (ipercolesterolemia, diabete e disfunzione endocrina).

La maggior parte delle formulazioni alla base degli alimenti dietetici a fini medici speciali creati da Freia Farmaceutici nell’ambito del programma europeo sono in attesa di brevetto. Attraverso il progetto di ricerca cofinanziato dalla Commissione Europea l’azienda punta a industrializzare una linea di prodotti pronti per essere lanciati sul mercato e soddisfare così non solo le esigenze dei pazienti, ma anche di cittadini anziani che necessitano di alimenti ad alto contenuto nutrizionale che non abbiano niente da invidiare alla qualità del cibo consumato abitualmente.

Il sostegno della Commissione europea non dimostra soltanto la validità del nostro progetto ma anche la qualità, l’autorevolezza e la portata innovativa del lavoro svolto da Freia Farmaceutici in questi anni,” ha affermato Alessandro G. Cavalieri Manasse, Amministratore delegatodi Freia Farmaceutici. “Siamo convinti che un’accurata attività di ricerca scientifica abbinata alla qualità del cibo Made in Italy potrà offrire importanti miglioramenti nel campo della nutrizione di anziani e malati oncologici, migliorando la vita di molte persone.”

“Crediamo fermamente nella bontà di questo progetto: per i pazienti è infatti importante lo sviluppo di nuovi prodotti che – accanto a un elevato apporto proteico di origine vegetale, quindi non legato a processi infiammatori e di proliferazione cellulare – offrano loro la sensazione di non assumere cibi medicalizzati e avere in questo senso un importante supporto psicologico,” sottolinea Michela Dimilta, farmacologa e capo progetto di Freia Farmaceutici.

Freia Farmaceutici è un’azienda italiana pioniera nello sviluppo di innovativi dispositivi medici, alimenti dietetici a fini medici speciali e integratori alimentari a base di derivati del seme di canapa sativa. Grazie a una lungimirante strategia di R&D in ambito agronomico, estrattivo e farmaceutico, guidata da un team multidisciplinare di livello internazionale, oggi Freia Farmaceutici è leader in Italia e tra le principali aziende europee attive nello sviluppo di prodotti a base di canapa sativa con proprietà utili per la salute umana in campo cardiovascolare, dermatologico, allergologico e ginecologico. Titolare di sette brevetti, e di diverse linee di prodotti registrati presso il Ministero della Salute, Freia Farmaceutici si pone l’obiettivo di contribuire al progresso della medicina, rispondendo alle esigenze di medici e pazienti e assicurando un comportamento etico nelle attività di ricerca e sviluppo, di produzione e di comunicazione.

Per maggior informazioni: http://www.freiafarmaceutici.it/

 

Movida tag: , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger. E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. www.francescalovatelli.com Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, Il Giornale.it, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *