Parola d’ordine: comunicare. Claudio Montefusco svela la sua ricetta 

L’inizio della Pandemia ha cambiato il destino di tutti; le aziende, piccole e grandi, alle prese con la crisi, hanno rinunciato alla vita sociale. La speranza resta il vaccino contro il Covid, ma anche le nuove regole per il contenimento sociale. 

Claudio Montefusco, famoso producer tv, Vice Presidente del gruppo Ballandi, leader nel settore televisivo e Ceo “Live.com”, svela la sua ricetta.

“Il digitale ha aperto nuovi orizzonti, ma tutti speriamo di ritornare – durante gli eventi aziendali – a quella convivialità che è stata per anni una colonna portante della comunicazione”, puntualizza Montefusco

“Il 2020 ha danneggiato, a causa della pandemia, anche il settore degli eventi mettendolo totalmente in ginocchio. Di fatto ne sono stati cancellati tantissimi. Di fronte a questa difficoltà, le aziende hanno comunque necessità di comunicare al proprio pubblico e pertanto la strada delle piattaforme digitali è diventata l’unica soluzione. Si tratta di un mondo che era parzialmente esplorato, ma con la pandemia ha avuto un’evoluzione esponenziale. Un anno fa nessuno pensava ad un evento digitale”, continua Montefusco. “La sfida è stata comprendere le potenzialità di questo nuovo strumento e adattarlo alle esigenze delle aziende”.

Come vede il 2021 dal punto di vista degli eventi?

“Sicuramente la speranza è nel vaccino, oltre alla prevenzione e al rispetto delle regole che tutti noi ormai conosciamo. Ma una ripresa, magari progressiva, delle attività sociali e di aggregazione dovrà pur esserci. Sicuramente gli eventi dovranno svolgersi nella massima sicurezza: con la tracciabilità del numero di partecipanti e fino a quando ne sarà necessario con l’utilizzo di tamponi. Ma sicuramente l’ausilio delle piattaforme web sarà complementare al modo tradizionale di concepire gli eventi”. 

Le mancano gli eventi in presenza? 

“La comunicazione in un evento svolto in presenza raggiunge più facilmente gli obiettivi. Non vediamo l’ora di tornare a quella che era la nostra normalità. E’ probabile che i prossimi eventi, dopo aver sperimentato in questi mesi i collegamenti tramite le piattaforme digitale, saranno misti: in presenza e con ospiti connessi tramite remoto”. 

L’utilizzo di piattaforme garantirà riservatezza dei dati?

”E’ uno dei principali temi di attualità nel mondo degli eventi. Molte aziende hanno necessità di comunicare in sicurezza ad una determinata audience e non a tutti. Ad esempio: la Rete dei venditori che è altra cosa rispetto a eventi aperti al pubblico. Abbiamo sperimentato in questi mesi parte delle piattaforme già esistenti. Ma abbiamo verificato che in termini di cyber security le aziende hanno sempre più necessità ben specifiche. Stanno nascendo nuove piattaforme dedicate: stiamo lavorando ad una nostra piattaforma che mira a garantire la massima tutela dei dati e dei contenuti. La piattaforma è pronta. L’abbiamo già testata e sarà utilizzata per i prossimi eventi digitali che realizzeremo per i nostri clienti, in calendario nel 2021”. 

Come ha virato totalmente sul digitale?

“Un proverbio direbbe: “Di necessità virtù”. Ovvero da un’esigenza è nata una specializzazione. Producendo programmi televisivi da oltre 20 anni (per la Rai, Sky, ecc.) abbiamo applicato l’esperienza della tv al linguaggio degli eventi con tutte le modifiche necessarie. Cos’è un evento digitale? Un programma televisivo a tutti gli effetti dove cerchiamo di comunicare un messaggio attraverso i nuovi linguaggi che conosciamo grazie alla tecnologia”.

Movida tag: , , , , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger, caratterizzata dal Green Think e dal suo impegno in www.greenandglam.it e nella riscrittura della realtà dell'arte con www.rewriters.it.E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *