Mariolina Guercilena espone le sue “Gabbie Infrante” presso Dasein

C’è un luogo, a Milano, proprio nei pressi di Porta Venezia, in cui arte, design, eccellenze alimentari, filosofia, musica dal vivo, feng shui e champagne si combinano ogni volta in un cocktail differente, per offrire agli ospiti un’esperienza sempre stimolante e piacevole.

Questo luogo si chiama Dasein, come il concetto filosofico heideggeriano, e sorge nei locali dell’antico lazzaretto duecentesco della città, ristrutturati magistralmente secondo i principi del feng shui, per fare da cornice e contenitore a mostre, concerti dal vivo, cene, aperitivi, eventi e degustazioni. Il locale stesso ed i suoi arredi suggeriscono un’attenzione particolare ai dettagli, che si mostra pienamente nella cura con cui ogni proposta di pietanze e champagne viene selezionata, preparata ed offerta agli ospiti. Continua a leggere

La cave à champagne di design nel cuore di Milano

Dasein è stato creato grazie al gusto ed agli studi della titolare, architetto viennese trapiantato a Milano, che si ispira, negli arredi e nelle proposte, all’”essenziale” come inteso da Heidegger, il “da Sein” 

Da Dasein potete trovare oltre 30 etichette di champagne differenti, accompagnati da piatti che ne esaltano aroma e fragranza, in un ambiente raffinato che vi accoglierà all’ingresso in uno showroom unico nel suo genere, che ospita mostre di arte e design, per poi svelarvi il proprio cuore, negli antichi locali del duecentesco lazzaretto appena fuori dalle mura della Milano medievale. Continua a leggere

Dasein

Sono MoniKa Zanic e Julia Jerkunica le ideatrici di Dasein, in via Settala 2, a Milano, che inaugura ufficialmente il 14 Febbraio, dalle ore 18,00. Il locale è unico nel suo genere, una champagneria design, che punta all’essenziale, grazie al gusto di Monica, architetto viennese trapiantata a Milano, che, insieme a Yulia, ha accuratamente seguito i lavori di ristrutturazione per creare un luogo accogliente e colmo di atmosfera. Ed è proprio l’essenziale, come è inteso da Heidegger, il “daSein” che si rispecchia nelle proposte senza sovrastrutture, come la brisaola-si scrive proprio così!- di diverse stagionature, offerta senza condimenti che possano modificare l’aroma, il bitto del Presidio Slow Food, lo Storico Ribelle, flutes di champagne di grandi cuvées millesimate, ma anche di caves artigianali accuratamente selezionate. Continua a leggere