Giuseppe Grande Direttore al Virgo Village per il Festival di Sanremo

Dal 7 all’11 febbraio, in occasione della 73esima edizione del Festival di Sanremo, sarà inaugurato il Virgo Village Sanremo, il Villaggio Ufficiale della Musica, poliedrico e multiforme, che prenderà vita nella meravigliosa location di Villa Ormond, in Corso Felice Cavallotti, a meno di un chilometro dallo storico Teatro Ariston, dove si svolgerà la competizione musicale. Il Virgo Village Sanremo aprirà al pubblico tutti i giorni dalle 11:00 alle 20:30, sarà centro nevralgico della kermesse, uno dei luoghi più ambiti dell’intera manifestazione, dove i protagonisti e gli ospiti vip potranno incontrarsi, durante l’evento più atteso dell’anno. Il Villaggio si estende su oltre 15.000 mq tra giardini meravigliosi e diverse specie di piante e ospiterà numerose iniziative, studi televisivi, postazioni radio, aree food, show-case, cene di gala, party fashion show, sfilate di moda e momenti istituzionali. Il direttore di Virgo Village è Giuseppe Grande, che abbiamo raggiunto per conoscere in anteprima alcune novità. Continua a leggere

Gardacqua, Emiliano Milano e i Dance Music Awards oppure La Terrazza di Domina Coral Bay? E’ un weekend perfetto!

EMILIANO MILANO INIZIA ALLA GRANDE IL 2023: DAL FELLINI AI DANCE MUSIC AWARDS

Emiliano Milano (nella foto sulla sx, premiato ai Dance Music Awards di qualche anno fa con Andrea Damante e Francesco Sarzi), come nel 2019, è art director della premiazione dei Dance Music Awards, una manifestazione “nata per individuare e valorizzare senza distinzione tutti coloro che operano nei vari ambiti della night life con particolare riferimento al settore della dance”, spiega. La serata, questa volta, è prevista a Villa Renoir a Legnano (MI), il 26 marzo ’23.  “Nella precedente edizione abbiamo cercato di dare un cambio di marcia a tutto quello che era stato fatto precedentemente.  Quest’anno cambiamo tutto di nuovo, credo stravolgendo ogni aspettativa. La manifestazione non si svolgerà più in una discoteca, ma in una location adatta a una vera e propria cena di gala. Villa Renoir credo sia il luogo perfetto per questo tipo di manifestazione”, conclude Continua a leggere

De Circle, la Cerchia

De Circle, la Cerchia è un insieme di attività commerciali e di professionisti di Sanremo, con l’obiettivo di sviluppare nuovi business interconnessi per produrre nuovi posti di lavoro e attrarre nuovi investitori. A pochi giorni dalla 73esima edizione del Festival di Sanremo, la Holding della Città dei Fiori si prepara all’inaugurazione del progetto con tutta una serie di eventi che prenderanno vita nella meravigliosa cornice di Villa Noseda, a pochi passi dal Casinò, dal 5 all’11 febbraio prossimi. Abbiamo raggiunto il CMO di De Circle, Lorenzo Valterza per saperne di più.

De Circle Group, centro nevralgico dell’imprenditoria sanremese legata al turismo. Di cosa si occupa esattamente la holding?

“Il gruppo è nato quasi per necessità dopo che il progetto zero ovvero il “Bay Club” ha iniziato a scalare dando la possibilità alla società di investire in nuovi progetti che hanno a loro volta avuto successo. “DeCircle”, la cerchia, rappresentata da questo insieme di attività commerciali e dei professionisti che ne fanno parte, si pone l’obiettivo di sviluppare nuovi business interconnessi tra di loro nel campo dei servizi, della ristorazione, dell’intrattenimento e della hospitality. Speriamo che nel tempo questa iniziativa possa produrre degli effetti positivi sulla città di Sanremo, offrendo posti di lavoro e attraendo nuovi investitori”. Continua a leggere

Altri Comizi d’Amore, in onore a Pier Paolo Pasolini

«L’amore è un sentimento che ha infinite facce», «Può essere una cura», «L’amore è l’unico sentimento che ci può salvare», «L’amore è l’abbraccio di mamma e il bacio di papà», «L’amore è qualcosa di armonico», «L’amore è un trasporto».

Rispondono 46 persone, per ricomporre Altri Comizi d’Amore in onore a Pier Paolo Pasolini. Ne è uscito un composit di testimonianze raccolte da Massimiliano Finazzer Flory, che firma la regia di questo docufilm realizzato in collaborazione con Rai Cinema.

«Il soggetto è Pasolini o meglio il suo metodo: dire la verità poeticamente con dichiarazioni sull’amore nel nostro tempo», spiega il regista, «È uno sguardo da dentro gli occhiali da sole di Pier Paolo Pasolini, una visione in bianco e nero per un’estetica che livella senza differenze di ceto e di colore la gente su un tema: cos’è l’amore?

Altri Comizi d’Amore offre voce e volto a un Paese che crede nella diversità a partire dalla poesia. Un’umanità trasversale: compagni di classe di Pasolini e studenti di oggi, cantanti, scrittori, homeless, preti francescani ed ex tossicodipendenti, travestiti e attrici hard, insieme a ragazzi e ragazze dei giorni nostri. Volti sconosciuti e volti che l’hanno conosciuto come Blasco Giurato, Ornella Vanoni, Fulvio Abbate, Maria Rita Parsi». Continua a leggere

Proger torna in tv: on air il nuovo spot “Progettiamo il Futuro”

Proger, società leader a livello internazionale di ingegneria multidisciplinare,torna in tv con lo spot “Progettiamo il futuro”, on air su La7 e diffuso sui canali digitali dell’azienda

La nuova campagna pubblicitaria racconta l’ingegneria attraverso la bellezza e la creatività; protagonista è l’attore e doppiatore italiano Luca Ward, che nella splendida cornice rinascimentale di  Palazzo Farnese, interpreta un brillante ingegnere capace di accendere, sulle note della Bohème di Puccini, l’interesse e la creatività di una bambina, simbolo delle nuove generazioni chiamate a “Progettare il Futuro”.

Lo spot è stato prodotto da Proger Smart Communication (PSC) – agenzia di comunicazione dell’azienda – con la direzione creativa di Anna Cerofolini, creative director di PSC (già direttore creativo di DagoInTheSky e di Havas Milan per Tim),la regia di Ambrogio Crespi, gli effetti digitali di Frame by Frame e la pianificazione di CairoRCS Media, Continua a leggere

Roberto Bizioli sulla salute dentale in Italia: “Solo il 30% degli italiani tra i 40 e i 75 anni ha denti naturali”

Il dentista Roberto Bizioli al vaglio dei dati relativi alla salute del cavo orale degli italiani

Non sono incoraggianti le statistiche relative allo stato di salute dentale della popolazione italiana, esordisce il Dott. Roberto Bizioli di Scordia, dell’omonimo studio dentistico, “solo il 30% dei nostri connazionali, di età compresa tra 40 e 75 anni, può vantare di avere dei denti naturali”.

“Nel 2015, spiega il dentista Dott. Roberto Bizioli, “l’Istat pubblicava un’interessante analisi sul rapporto che gli italiani avevano con la propria cura dentale. Da quell’anno, si fatica ad avere contezza di come siano cambiate le prospettive generali. Questo, a causa di una mancata analisi sistemica sul tema della cura dentale in Italia. Ciononostante, recentemente, alcuni studi hanno fatto emergere alcuni dati molto interessanti che meritano di essere valorizzati”. Continua a leggere

25 stagioni di repliche per lo spettacolo “Orgasmo e Pregiudizio”, con Fiona Bettanini e Diego Ruiz

Una coppia di amici si ritrova a dover condividere il letto di un motel. Proprio lì, affronteranno le loro più intime paure, le reciproche curiosità, le debolezze mai ammesse, riuscendo a confessare segreti e tabù mai pronunciati prima. “Orgasmo e Pregiudizio”, che il prossimo anno festeggerà 25 stagioni di repliche, è lo spettacolo teatrale, di e con Fiona Bettanini e Diego Ruiz, capace di affrontare una tematica – quella sessuale – spesso spinosa, senza remore e senza mezzi termini, coinvolgendo il pubblico in sala che può ampiamente rispecchiarsi nelle storie dei due protagonisti, ridendo delle proprie debolezze e riuscendo, finalmente, a comprendere ciò che non aveva mai avuto il coraggio di domandare. In occasione della rappresentazione al teatro San Babila di Milano dal 17 al 19 febbraio e al teatro Ghione di Roma dal 3 al 6 marzo, per la regia di Pino Ammendola e Nicola Pistoia, ho voluto incontrare la protagonista Fiona Bettanini per conoscerla meglio e carpire il segreto del suo successo. Continua a leggere

Vittoria Shinratensei98, la passione che crea la community

Il suo nick è Shinratensei98 e da Instagram a Tik Tok tutta la generazione Z conosce benissimo i contenuti di Vittoria Marabotti.

Vittoria è una ragazza di 24 anni che grazie alla sua passione per gli anime giapponesi ed al cosplay ha costruito e continua ad alimentare una carriera dirompente.

Oggi è un’influencer molto popolare e con un’ampia community molto legata a lei  e ai suoi personaggi.

Vittoria coglie l’occasione per lanciarsi in questa nuova avventura durante il secondo lockdown. Già impegnata negli studi universitari, oltre ad un lavoro come cameriera, decide di pubblicare foto da modella su Instagram. Continua a leggere

Al Sigep grande successo per il gelato “botanico” con acque termali di Roberto Leoni

 
 
Il maestro gelataio cesenate ha stupito nuovamente la rassegna riminese con tre nuovi gusti innovativi all’insegna del green e della sostenibilità ambientale
 
Dal 21 al 25 gennaio a Rimini si sono accesi i riflettori sul Sigep, la più importante fiera mondiale dedicata al mondo del gelato, della pasticceria e della panificazione artigianale. Una vetrina internazionale di grande prestigio a cui, da 44 anni, partecipano i professionisti più innovativi ed autorevoli del settore. Tra questi c’era anche il maestro gelatiere cesenate Roberto Leoni, Ambasciatore del Gelato Italiano nel mondo,da sempre uno degli interpreti più geniali del mondo del Foodservice dolce. 
 
Con il suo gelato al gusto di mare Adriatico, Roberto Leoni fu il caso “culinario” dell’estate 2019, ma anche l’anno successivo – sempre sotto i riflettori del Sigep – fece parlare di sé con il suo originale gusto alla Kombucha e la sua lectio magistralis sui prodotti fermentati.
 

Continua a leggere

Luca V: i 7 motivi per cui scrivo e canto canzoni

Luca V, nome d’arte di Luca Mercandino è un cantante e cantautore, songwriter pop e urban.

Per Luca V sperimentazione è vita oltre che sinonimo di libertà.

“Molti cantanti degli ultimi anni hanno 20/21 anni, al momento ne ho 27 e ho dovuto recuperare in fretta” – dice Luca V, classe 95. Per questo motivo, ci spiega, negli ultimi anni ha condensato percorsi fatti da ore ed ore di lezioni per 3 giorni per ogni singola settimana.

Quali sono le motivazioni che ti spingono a lavorare nel mondo della musica?

“Sono 7 i motivi” – dice Luca V – “in primis per me significa trovare se stessi e la propria essenza, guardandosi davvero dentro. Io nella musica sto trovando me stesso, scoprendo lati che non avrei mai visto e conosciuto in altro modo e solo così riesco a vederli e cambiare. E’ una ricerca continua.

Battiato diceva, in una canzone, che cercava un centro di gravità permanente; credo che per gli artisti sia molto importante il cambiamento mutevole: arte ed evoluzione possono aiutare a ricercare una propria stabilità. Fare musica, per me, equivale soprattutto a tirare fuori se stessi… È un po’ come andare in analisi!”. Continua a leggere