Dopo 115 anni, il Rotary International si tinge di rosa

 Diversità, equità e inclusione: le parole chiave dell’anno 22/23 a livello internazionale e locale.

Un anno tutto rosa quello che è iniziato il primo di luglio per il Rotary International. Infatti, per la prima volta in 115 anni di storia di quella che a tutti gli effetti è una delle associazioni di servizio più conosciute al mondo è una donna a rivestire la carica di Presidente internazionale. 

Si tratta della canadese Jennifer E. Jones, laurea in giurisprudenza e fondatrice della Media Street Productions, colosso delle comunicazioni.

Come prima donna ad essere nominata per l’incarico di presidente, Jennifer Jones è consapevole dell’importanza di seguire la Dichiarazione del Rotary sulla Diversità, Equità ed Inclusione (DEI). “Io credo che diversità, equità e inclusione comincino al vertice e che se vogliamo far crescere il numero dei soci di sesso femminile e dei soci sotto i quarant’anni, si devono vedere questi gruppi demografici riflessi nella leadership”, ha dichiarato Jones. “Mi farò paladina di una crescita a due cifre in queste due categorie senza però mai perdere di vista la nostra intera famiglia”.

È donna anche la nuova Governatrice di Milano, Patrizia de Natale, avvocato penalista, da qualche giorno a capo dei 51 Club Rotary del Distretto 2041, unico distretto metropolitano del nostro Paese. “Nel Rotary noi tutti esercitiamo AMICIZIA, INTEGRITÀ, DIVERSITÀ, SERVIZIO e LEADERSHIP: i nostri Valori, tutti insieme, sono il presupposto che ci consente di avere obiettivi tanto impegnativi quanto prestigiosi. Avere una visione chiara e trasparente, porci ai nostri soci con rettitudine ed amicizia, creare le condizioni per coinvolgerli, mettere la nostra professionalità al servizio dei nostri progetti: questo è ciò che maggiormente ci caratterizza e che ci consente di immaginare grandi traguardi.”

Infine, è donna anche una dei Presidenti più giovani della città: Chiara Giudici, classe ’86, da lunedì Presidente del Rotary Club Milano International Net, da sempre uno dei Club più effervescenti della città. Socia fondatrice dell’agenzia di comunicazione Double Malt, Chiara è membro del Rotary da 6 anni e da 4, grazie anche alla sua professionalità, fa parte della Commissione Pubblica Immagine del Distretto 2041. “Emozionata prendo servizio come guida del mio Club, un Club fatto di persone concrete, propense all’aiuto e alla condivisione. Tanti i progetti e le attività a calendario per quest’anno. Tra tutti desidero citare, come primo caso in Italia, l’istituzione della Commissione Sport. Una commissione al momento informale ma grazie alla quale il Rotary International Net potrà creare numerose occasioni di aggregazione al fine di supportare più service grazie ad un fundraising orientato al divertimento sia dei soci sia di tutti coloro che vogliano entrare in contatto col Rotary. Il mio obiettivo per quest’anno rotariano è di veicolare anche all’esterno del Club i progetti in corso, solo in questa maniera riusciremo, infatti, a far comprendere realmente cosa significhi far parte di questa associazione e quale potenziale di crescita porti con sé.”

Movida tag: , , , , ,

Informazioni su Lovatelli Caetani

Giornalista, Luxury Consultant, Opinionista e Blogger, caratterizzata dal Green Think e dal suo impegno in www.greenandglam.it e nella riscrittura della realtà dell'arte con www.rewriters.it.E' una delle "firme" più autorevoli sui temi delle dimore d'epoca e patrimoni familiari storici. Si avvale del suo contributo professionale Assocastelli (associazione che rappresenta i più importanti gestori e proprietari di dimore storiche italiane impiegate anche per attività socio-culturali). Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora. Modera presentazioni di libri. Collabora con tgcom 24, il settimanale Nuovo e altre testate, si occupa di programmi sociali, come www.primadelclick.it- svolge attività di ufficio stampa. Un passato da modella, lavoro accantonato per dedicarsi allo sport e allo studio, dopo il diploma di Liceo Classico, quello di Copy Writer all’International College of Design, così come quello di Fitness Instructor conseguito all’Ospedale Sacco di Milano, si dedica alla sua passione, la scrittura e affronta ogni nuova sfida con serietà, iscrivendosi anche a corsi di dizione, di teatro e recitazione, al CTA di Milano-repertorio di Marguerite Yourcenar-per offrire sempre il massimo della professionalità, anche nella conduzione tv. Si Laurea In Scienze Politiche, Storia dei Trattati e Diritto Internazionale, con una Tesi dedicata alla Politica Estera Vaticana e al Libano come centro geopolitico internazionale. Ha collaborato con La Prealpina di Varese,La Notte, il Giornale, Panorama, Libero, Il Tempo, TgCom 24 le assegna un suo blog, For Men e Natural Style, Cronaca Qui. Collabora anche con riviste dedicate al fitness, alcune riviste le assegnano l'incarico di caporedattore di testate, collabora anche con molte radio, 101, Radio Lombardia, 105 Classics, M2O, Radio Rai Uno e Radio Rai Due, dove è iniziata la sua formazione radiofonica, con autori storici della Rai, come Lillo Perri e Mila Vajani. Per la televisione: Telelombardia, dove Daniele Vimercati le insegna a fare giornalismo tv a 360 gradi, Antenna 3, dove è stata autrice e conduttrice, Rai, con Corrado Tedeschi, Matchmusic, Play tv, Fun tv, Odeon, Vero tv, Discovery Channel, dove è stata selezionata come esperta di tendenze. Ha vinto il Premio Cortina Press e il Premio News Cup destinato ai personaggi che si sono distinti per capacità di comunicazione, scrittura e arte e pubblicato un libro sullo stadio Giuseppe Meazza, un progetto dell’Assessorato allo Sport e al Tempo Libero del Comune di Milano, per il quale ha ideato la Prima Notte dello Sport, allestendo un ring in corso Como, con atleti e appassionati. Ha tenuto al Polimoda di Firenze alcune lezioni di trendsetting e collabora con IULM per il Master in Comunicazione in Beauty e Wellness. Francesca nasce in una famiglia che annovera tra i suoi avi, Papi, Cardinali, una donna Accademica dei Lincei, la sua trisnonna, ma per lei le vicende delle famiglie aristocratiche sono interessanti dal punto di vista delle figure che hanno contribuito a livello di cultura, arte, in veste di benefattori, come fisiognomica dei volti e come tradizione, perché la vera nobiltà è quella dell'anima.

Una risposta a “Dopo 115 anni, il Rotary International si tinge di rosa

  1. Da sinistra:
    Claudio Santarelli
    Fabio Di Venosa
    Jane Messina
    Andrea Melacini
    Ingrid Leka
    Monica Ferrari
    Chiara Giudici
    Massimiliano Marcantonio
    Letizia Mansutti
    Guido Chiavegato
    Annalisa Donesana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *